Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Editoriale
Un'altra telenovela. Ibra, Kia e un grosso rischioTUTTO mercato WEB
domenica 16 giugno 2024, 00:00Editoriale
di Andrea Longoni
per Milannews.it

Un'altra telenovela. Ibra, Kia e un grosso rischio

La trattativa per arrivare a Joshua Zirkzee è diventata a tutti gli effetti una telenovela. In questi casi le puntate sono diverse e i colpi di scena dietro l'angolo. La speranza è che abbia un lieto fine e non si concluda con una cocente delusione. I fantasmi dei vecchi casi Thuram e Taremi sono tornati prepotentemente d'attualità. Anche per questi precedenti, il Milan non può permettersi di rimanere col cerino in mano. Sarebbe un brutto colpo a livello tecnico e ambientale. Se la richiesta di commissioni di Kia Joorabchian era nota da mesi, perché arrivare a questo punto? Il Club lavora su Zirkzee da tanto tempo: la sensazione, oggi, è che il nodo legato alle richieste dell'agente sia stato sottovalutato, dando per scontato, erroneamente, che queste si sarebbero abbassate.

Va detto che le parole, pur condivisibili, di Ibrahimovic sul tema e il riferimento alla beneficenza, sicuramente non hanno aiutato a ristabilire serenità tra le parti, anzi. Più si va avanti, in attesa non si capisce di che cosa, più il Milan rischia di perdere la pole acquisita nel lavoro di mesi. E a quel punto sarebbe davvero da temere l'arrivo di altre serie pretendenti, complice l'Europeo che metterà in vetrina il talento olandese.
Insomma, ora o mai più. Qualsiasi alternativa all'operazione sarebbe comunque un piano B. La guerra ideologica alle commissioni è sicuramente condivisibile, ma esistono delle giuste eccezioni: altrimenti, se il Milan deve restare sempre nel perimetro di ingaggi bassi, no commissioni ecc, si fa dura poter competere ad alti livelli. Dovesse arrivare Zirkzee, saremmo di fronte a un grande colpo: parliamo di un potenziale top player, di un giocatore che tra un paio di anni potrebbe raggiungere anche il doppio della valutazione attuale. Ovviamente non basta l'olandese. Servono altri innesti mirati, in particolare il colpo a centrocampo non è da sbagliare. Magari guardando davvero, in altri ruoli, a giocatori italiani. Presenti nella lista dei desideri, come dichiarato da Ibra in settimana: si spera presenti anche nella prossima rosa. I successi si costruiscono anche attraverso uno zoccolo duro di italiani.