Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Reginaldo su Conte: "Protestai per gli allenamenti duri e lui mi mandò diretto sotto la doccia"TUTTO mercato WEB
© foto di claudia.marrone
venerdì 21 giugno 2024, 21:00Serie A
di Simone Lorini

Reginaldo su Conte: "Protestai per gli allenamenti duri e lui mi mandò diretto sotto la doccia"

L’ex attaccante di Siena e Parma Reginaldo è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per parlare di Antonio Conte e del suo rapporto con il tecnico salentino: "Ho avuto il mister e so come lavora, è uno che ti fa lavorare tanto ma le partite le fai con le “sigarette in bocca” perché in partita hai le gambe libere. Però se i calciatori vogliono andare via per questione di soldi o perché è finito un ciclo con la società allora a quel punto bisogna dargli la possibilità di partire.

Poi sul mercato bisognerà accontentare Conte, magari con i soldi di quelle cessioni, ogni allenatore ha quei quattro/cinque giocatori che si vuole portare ovunque e secondo me è giusto così. Il Napoli ha paura soltanto di trovare calciatori pronti per giocare nel calcio italiano, invece quelli già in rosa sono abituati e già pronti per fare bene, anche perché brutte figure Conte non ne vuole fare.


Ricordo che eravamo in ritiro punitivo a Messina, e io feci 24h di volo dal Brasile per tornare in Italia e non mi aspettavo di dover fare subito tutto il lavoro tosto, e mi ero presentato comunque già allenato in Brasile. Mi aspettavo un lavoro più leggero ma lui invece mi fece fare blocchi ulteriori per raggiungere la soglia degli allenamenti. Protestai e Conte mi mandò subito sotto la doccia ed io non lo volevo vedere più, poi Perinetti e Faggiano riuscirono a farmi ragionare e ricucimmo lo strappo. L’anno dopo lo incontrai come avversario quando era alla Juventus e ci salutammo con affetto e mi diede anche tantissimi consigli, perché come persona è eccezionale e devo dire che se a quarant’anni gioco ancora lo devo alla mentalità che mi ha insegnato”.