Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Albertini: "Ieri passaggio di consegne? Presto per lo Scudetto, ma dietro serve percorso netto"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 4 dicembre 2023, 21:20Le Interviste
di Antonio Noto
per Tuttonapoli.net

Albertini: "Ieri passaggio di consegne? Presto per lo Scudetto, ma dietro serve percorso netto"

Demetrio Albertini, ospite del Galà del Calcio, ha parlato così dei temi legati al calcio italiano, in particolare per le big della Serie A.

Demetrio Albertini, ospite del Galà del Calcio, ha parlato così dei temi legati al calcio italiano, in particolare per le big della Serie A: "La festa dei calciatori ma anche un po' del calcio: ci sono le società, i dirigenti e le istituzioni, questo fa piacere. Spalletti? Oggi sarà migliorato come il miglior allenatore dell'anno scorso, abbiamo visto un Napoli strepitoso l'anno passato. Sappiamo le qualità di Luciano e il suo percorso, anche internazionale. Adesso, la cosa bella che ho saputo dirgli è: 'Tu qualificati, poi avrai 2 mesi e mezzo per plasmare la squadra'".

A proposito di Spalletti, tra Napoli e Inter ieri c'è stato un passaggio di consegne in termini di Scudetto?
"È ancora presto, lo diranno tutti, ma credo che oggi ci sono due squadre che hanno la consapevolezza di stare lì davanti che sono Inter e Juventus. Il campionato lo vincerà chi saprà gestire i momenti di flessione e oggi non ce l'hanno né l'Inter né la Juve, potrebbero incontrarlo nei prossimi mesi e dipenderà da quei momento lì, è la storia della Serie A. Dietro invece dovranno fare percorso netto".

Il Milan come lo vede?
"Altalenante: ha cambiato tanto, più degli scorsi anni, però ci sono delle partite in cui ha convinto veramente. Serve un po' di lavoro e fiducia, nel calcio quando perdi i problemi piccoli diventano grandi ed è vero anche il contrario".

È rimasto sorpreso dalle parole di Maldini?
"Sorpreso sì perché non lo sapevo. Mi è sembrato una intervista di pancia da parte di Paolo, prendo per buono quello che è stato scritto, sappiamo bene quanto ami questi colori e credo abbia voluto trasferirlo".