Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Schwoch fa il nome: “C’è un attaccante che sposterebbe gli equilibri come Osimhen”
martedì 21 maggio 2024, 15:10Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Schwoch fa il nome: “C’è un attaccante che sposterebbe gli equilibri come Osimhen”

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, è intervenuto Stefan Schwoch, ex Napoli

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, è intervenuto Stefan Schwoch, ex Napoli: “La panchina del Napoli ti mette sotto pressione, c’è bisogno di uno con le spalle larghe. Pioli, Conte e Gasp sono quelli con più esperienza, poi altri come Italiano e De Zerbi che magari ne hanno meno, ma che hanno grande talento.

Addio Zielinski? Il Napoli lascia un calciatore importante, che non ha fatto vedere tutte le sue potenzialità. Calhanoglu all’Inter è diventato uno dei centrocampisti al mondo e credevo che Piotr sarebbe esploso al Napoli allo stesso livello. Ora all’Inter avrà più responsabilità e qualche chances in meno, ma dipende più dal suo talento che dalla squadra.

Erede Osimhen? Bella domanda. Trovarne uno simile non sarà facile, ADL dovrà fare sicuramente un investimento importante. Ci si dovrà lavorare dal punto di vista dello scouting, per prendere un calciatore meno di grido ma di uguale talento. Poi ci sono nomi come Lukaku, che sono l’usato sicuro. Romelu farebbe benissimo al Napoli, quando sta bene fisicamente sposta gli equilibri da solo. Chiunque arriverà, però, dovrà avere una convivenza prolifica con Kvaratskhelia. E sono sicuro che il prossimo allenatore non si farà trovare impreparato”.