Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Calzona: "Napoli? Non mi pento. Mi chiamavano 'secondo', ma alleno da una vita..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 18:10Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Calzona: "Napoli? Non mi pento. Mi chiamavano 'secondo', ma alleno da una vita..."

L'ex allenatore del Napoli e oggi ct della Slovacchia, Francesco Calzona, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Repubblica

L'ex allenatore del Napoli e oggi ct della Slovacchia, Francesco Calzona, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Repubblica dalla Germania durante gli Europei.

“Ci tenevo tanto a fare bene sulla panchina azzurra, sono legatissimo alla città e alla squadra: per questo mi dispiace ancora che i risultati non siano stati quelli che speravamo, al di là dei miglioramenti evidenziati da un bel po’ di parametri. Nel calcio capita. Mi hanno messo addosso l’etichetta di “secondo”, ma io faccio l’allenatore da sempre. L’aiuto chirurgo sa operare oppure no? Suvvia, altro che diminutio.

Al Napoli voglio molto bene e ci tenevo ad aiutare la squadra. Ma la stagione aveva preso una piega storta e non c’è stato modo di invertire la rotta. Non mi pentirò mai di aver accettato il doppio incarico, mi tengo stretto l’orgoglio di aver allenato il Napoli, anche se è durata per tre mesi e non è andata come speravo. Auguro agli azzurri di ritornare al vertice e guardo avanti a testa alta, senza amarezza. Sono in missione per la Slovacchia e ne vado molto fiero”.