Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Pagni svela “Seguivo Lobotka quando ero al Milan, ma scrissi che non era all’altezza”TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 1 dicembre 2022, 23:50Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Pagni svela “Seguivo Lobotka quando ero al Milan, ma scrissi che non era all’altezza”

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuto Danilo Pagni, direttore sportivo

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” è intervenuto Danilo Pagni, direttore sportivo: “Io andai a vedere Lobotka quando giocava al Celta Vigo e non ero convintissimo di lui e scrissi “Attualmente non è da Milan”, Gattuso già me ne parlava bene di lui, ma io lo vedevo un po’ arrotondato. Lobotka mi dava l’impressione ancora di non essere un giocatore da Milan, ma oggi a distanza di 4 anni ha fatto il vaccino tecnico del campionato italiano. Quando presi Pobega al Milan qualcuno disse che fosse un po’ acerbo, ma se il giovane non ha pressioni esterne non viene formata la sua personalità.

Kim e Kvaratskhelia? Il Napoli è stato bravissimo a prendere il georgiano, ma a mio avviso al di là di questo grandioso acquisto, il capolavoro nel capolavoro è stato prendere un difensore asiatico che ha garantito delle performance di alto livello. Poi il dirigente sportivo lo prende e l’allenatore lo esalta. Ho una simpatia per il Napoli che ci sta divertendo ed è un orgoglio per l’Italia e per il sud. In questo periodo in cui noi italiani siamo spettatori al Mondiale, vedere il Napoli giocare così è un piacere. Stiamo percorrendo una strada sbagliata dopo le due mancate convocazioni. Una volta essere convocati in Nazionale era qualcosa di epocale, adesso convochiamo tutti. Si deve emulare attraverso lo scouting puro dove chi sbaglia meno è più bravo”.