Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Fabian Ruiz: "Impossibile dire no al PSG. È stata una buona offerta per tutti, anche per il Napoli"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 settembre 2022, 12:28Serie A
di Daniel Uccellieri

Fabian Ruiz: "Impossibile dire no al PSG. È stata una buona offerta per tutti, anche per il Napoli"

Fabian Ruiz, ex centrocampista del Napoli oggi in forza al PSG, è stato intervistato da El Pais. Lo spagnolo parla del trasferimento al club parigino: "Una volta arrivata l'offerta, che tutti credevamo fosse buona, non si poteva dire di no ad un club come il PSG. Mi era rimasto un anno di contratto, e sia io che il Napoli avevamo interesse a trovare un’altra sistemazione. Penso sia stata un’ottima scelta. È successo mentre ero concentrato sulla preparazione col Napoli. I miei agenti mi hanno chiamato per informarmi che il PSG era interessato, poi ho parlato con Luis Campos che mi ha spiegato il progetto. Dopo ho parlato anche con l’allenatore Galtier, che mi ha spiegato il suo modo di giocare, le idee. Quelle conversazioni sono state molto belle, mi hanno dato fiducia, quella voglia di essere qui con loro, di lavorare insieme".
Fabian Ruiz ricorda anche i primi passi in Italia
"I primi mesi sono stati molto difficili. Ho anche avuto un periodo un po' difficile a causa della lingua, a causa del cambio di paese. Dopo tanti anni circondato da famiglia e amici, mi sono ritrovato da un giorno all'altra da solo in un'altra città senza conoscere nessuno. All'inizio è stata dura, ero anche più giovane: è stato il cambiamento più difficile. Ora sono cresciuto, ho già avuto un'esperienza del genere e mi sono già adattato".