Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / A tu per tu
…con Francesco MorieroTUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 23 novembre 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Francesco Moriero

“L’Argentina ha fatto un buon primo tempo, ma il Mondiale è un campionato a se. L’Arabia Saudita comunque ha fatto un gran secondo tempo”. Così a Tuttomercatoweb il ct delle Maldive, Francesco Moriero.

Manca l’Italia.
“Non c’è Mondiale senza l’Italia. Sicuramente avremmo fatto meglio di molte squadre che fanno veramente fatica. E poi c’è un problema enorme. E ogni volta si riapre lo stesso discorso: Mancini sta aprendo ai giovani, questo è un segnale importante. Però bisogna lavorare tanto”.

La sua sorpresa del Mondiale?
“È appena iniziato e abbiamo visto tante sorprese, non è assolutamente facile. Tranne l’Argentina sono rispettate le aspettative. La favorita rimane il Brasile, però ci potrebbe essere il Belgio come sorpresa”.
Uno sguardo alla B: come la vede?
“Sono contento per Pippo Inzaghi, sta facendo un grande campionato di B. Come il Frosinone. Dietro ci sono squadre importanti, può succedere di tutto”.
E le sue Maldive, mister?
“Inizio oggi la preparazione per venti giorni. Il 14 e il 17 dicembre abbiamo due amichevoli. Continuiamo il nostro lavoro, ho chiesto di sfidare squadre forti per vedere i miglioramenti che abbiamo fatto”.

Futuro: dopo la scadenza del contratto si vede ancora alle Maldive?
“Se sono qui è una mia scelta. Ho una i che mi apprezza e voglio raggiungere almeno un risultato importante per questa Nazionale. Sicuramente non valuto l’Italia, voglio fare esperienza all’estero. Un allenatore non può essere giudicato da due risultati come accade in Italia”.