Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / palermo / Primo Piano
ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ag. Caravello: "Pigliacelli e Massolo stanno bene a Palermo che rappresenta una piazza storica. Le migliori trattative in Serie A e B?..."TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
lunedì 30 gennaio 2023, 16:00Primo Piano
di Rosario Carraffa
per Tuttopalermo.net

ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ag. Caravello: "Pigliacelli e Massolo stanno bene a Palermo che rappresenta...

Il noto Agente Fifa, Danilo Caravello, che cura gli interessi tra gli altri dei due portieri del Palermo, Mirko Pigliacelli e Samuele Massolo, è stato intervistato in esclusiva da TuttoPalermo.net, dove ha parlato dei due assistiti, ma anche di tanti altri argomenti. 

Mirko Piagliacelli, inizialmente ha subito alcune critiche, possiamo dire non giuste, visto che si doveva ancora ambientare, ma ora è diventato uno dei beniamini dei tifosi grazie alle sue ottime parate ed essendo molto bravo anche con i piedi per l'impostazione del gioco, possiamo dire che ora ha trovato la giusta dimensione e soprattutto che sente la fiducia dell'ambiente?

"Mirko è un grande portiere è sicuramente uno dei migliori e più continui della Serie B per rendimento; ha una grande personalità, una professionalità, un attaccamento alla maglia ed al suo lavoro che sono fuori del comune. Dopo 4 anni lontano dall’Italia e dai ritmi dei suoi campionati, ha avuto un primo periodo di riambientamento e di normale conoscenza dei compagni e della sua nuova squadra. Il suo rendimento è stato comunque sempre costante, anzi in crescendo e mi fa molto piacere sapere che è già un beniamino di una piazza ed una tifoseria così calda ed attaccata alla squadra, come quella palermitana. Posso dire che quando abbiamo fatto questa scelta non avevo dubbi che in poco tempo le cose sarebbero andate in questo modo".

Come sta vivendo Samuele Massolo, il ruolo di secondo, dopo essere stato la scorsa stagione uno dei migliori dei play-off?

"Samuele è un altro grande professionista ed un uomo vero che è molto attaccato a Palermo ed al Palermo; con Mirko hanno uno splendido rapporto, si rispettano, si stimano, si incitano ed hanno capito entrambi il ruolo che devono svolgere per il bene della squadra. Non è facile trovare due uomini veri e professionisti esemplari come Pigliacelli e Massolo; credo proprio che il Palermo si debba ritenere fortunato di averli nella propria rosa".

Pigliacelli e Massolo sono due portieri che danno fiducia al reparto arretrato, con i nuovi innesti per gli altri reparti, il Palermo potrà lottare per raggiungere un posto nei play-off?

"Il Palermo rappresenta una piazza storica, ambiziosa e con grande tradizione; ha una grande proprietà alle spalle, per cui dopo un primo periodo di stabilità nella categoria, il club avrà una crescita inevitabile e dovrà avere come obiettivo primario quello di lottare per vincere e tornare quanto prima nella categoria che più gli appartiene e cioè in Serie A. Per chiudere, sono oltremodo contento ed orgoglioso che sia Pigliacelli che Massolo possano far parte di questa crescita ed salita verso l’alto".

Quali saranno le squadre che alla fine festeggeranno la promozione diretta in Serie A?

"Credo che il Frosinone di questo momento meriti di essere citato come il favorito numero uno per la classifica che ha, il gioco che esprime e la continuità di rendimento e di risultati che sta avendo dall’inizio del campionato. In seconda battuta vedo il Genoa ed il Bari, ma bisogna tenere sempre d’occhio alla probabile risalita in classifica del Parma, del Cagliari, della Reggina e del Pisa che hanno tutte organici importanti e società molto solide alle spalle. Come primi outsider nei play-off metto il Palermo ed il Sudtirol".

Qual è stata la tua trattativa più difficile attualmente nella tua carriera?

"Tre trattative difficili, ma molto intriganti per come si sono poi concretizzate sono state quella per portare il campione del mondo Fabio Grosso dall’Inter al Lione: proprio nella Francia che avevamo battuto, grazie al suo rigore decisivo, nella finale del Mondiale 2006; anche quella per portare Sasa Bjelanovic dal Torino alla prima Atalanta dei Percassi che poi andò subito in Serie A ed in ultimo quella per portare un giovane Magnanelli dal Gubbio al Sassuolo in C2, cosa che gli cambiò la carriera calcistica perché da lì partì la cavalcata del Sassuolo di Magnanelli, Bonato e Rossi dalla C2 alla Serie A".

Tornando a parlare dei tuoi assistiti, si può affermare che sia Pigliacelli che sia Massolo, potrebbero stare diversi anni a Palermo?

"Sia Pigliacelli che Massolo si trovano molto bene a Palermo e la volontà di aprire un lungo ciclo con questa società c’è tutta; per cui tirate voi le somme finali".

In Serie A, sarà il Napoli a festeggiare la vittoria dello scudetto?

"Con tutte le scaramanzie e gli scongiuri che fanno parte del mondo del calcio ed, in particolare del mondo Napoli e dei napoletani, credo proprio che quest’anno lo scudetto lo possa perdere soltanto il Napoli. Per come sta giocando e macinando punti ed avversari dall’inizio del campionato, se lo merita alla grande".

In questa sessione di calcio mercato, qual è stata la migliore trattativa andata in porto tra Serie A e Serie B?

"In Serie A per il momento quelle di Ivan Ilic dall'Hellas Verona al Torino e di Ola Solbakken a parametro zero alla Roma. In Serie B quella di Radja Nainggolan alla Spal e quella di Valerio Verre al Palermo".