Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / pordenone / In Copertina
All'Euganeo i ramarri non vanno oltre il pareggio; Padova-Pordenone 1-1, la cronaca
domenica 29 gennaio 2023, 17:12In Copertina
di Redazione TuttoPordenone
per Tuttopordenone.com
fonte Il Gazzettino di Pordenone - Giuseppe Palomba

All'Euganeo i ramarri non vanno oltre il pareggio; Padova-Pordenone 1-1, la cronaca

Il Pordenone non và oltre il pareggio (1-1) con il Padova e puo' ancora godersi il primato in solitaria nel girone A della serie C, allungando tuttavia il distacco sulle dirette inseguitrici reduci entrambe dalle sconfitte subite a domicilio con Virtus verona (Feralpisalo') e al Moccagatta con la Juventus NG (LR Vicenza).

LA CRONACA - Sole battente sulle tribune dell'Euganeo nonostante la fredda temperatura. Campo in perfette condizioni di gioco. Mimmo Di Carlo deve rinunciare ad Ingrosso e Pirrello (squalificati) ma anche agli indisponibili Bassoli e Magnaghi. L'undici iniziale vede Festa fra i pali, Zammarini, Bruscagin, Ajeti e Benedetti in difesa, Torrasi, Giorico, Burrai e Pinato a centrocampo con la collaudata coppia formata da Candellone e Dubickas in attacco. Il Padova di Torrente si presenta con un 4-3-3 composto da Donnarumma in porta; Belli, Valentini, Delli Carri, Zanchi in difesa; Vasic, Dezi, Jelenic a centrocampo; Liguori, Bortolussi, Cannavò in attacco. A dirigere la sfida è stato designato il signor Davide Di Marco della sezione di Ciampino coadiuvato dagli assistenti Federico Votta di Moliterno e Marco Toce di Firenze. Quarto Ufficiale Carlo Rinaldi di Bassano Del Grappa. Prima del fischio di inizio osservato un minuto di silenzio per ricordare Carlo Tavecchio, ex presidente federale scomparso nella giornata di sabato. Un massiccio afflusso di tifosi biancoscudati ha festeggiato il centotredicesimo anniversario dalla fondazione del club veneto. Non da meno gli appassionati neroverdi al seguito dei ramarri che in circa duecento hanno preso parte alla trasferta padovana. Entrambe le squadre sono reduci da un momento positivo grazie alle vittorie dell'ultimo turno con i Ramarri che hanno mantenuto la leadership della classifica e i veneti che dopo l'avvento in panca di Torrente subentrato a Caneo stanno cercando di risalire pian piano la classifica per ambire ad un piazzamento ai playoff. L'avvio di gara è incerto con le due squadre impegnate a controllarsi. Il primo squillo è del Padova quando all'11' il nuovo acquisto Cannavo' scambia con Liguori, entra in area e tenta la conclusione con palla che deviata in corner. Al 23' risponde il Pordenone con Candellone (ben servito da Torrasi) che sfrutta una disattenzione della difesa patavina, calcia forte in diagonale ma trova un grande intervento di Donnarumma che sventa la minaccia. Alla mezz'ora il Pordenone passa. Cross di Benedetti dalla sinistra, la palla arriva sul secondo palo dove si inserisce Torrasi che di testa insacca alle spalle di Donnarumma. Al 37' dopo un calcio di rigore reclamato dai ramarri a seguito di un mani dopo un batti e ribatti nell'area del Padova, i padroni di casa pareggiano approfittando di un momento incerto della difesa neroverde. Grande palla di Jelenic sul secondo palo per l'inserimento di Vasic che al volo batte Festa e pareggia i conti.

LA RIPRESA - Subito uno squillo neroverde al 7' con Burrai che sfrutta una punizione dal limite procurata da Dubickas con Donnarumma che deve smanacciare per mettere il palla in angolo. Intanto dal Turina di Salo' arriva la notizia del doppio vantaggio della Virtus Verona sulla Feralpi e la classifica che al momento vede i ramarri a più due sui lombardi e tre sul LR Vicenza (sconfitto dalla Juventus NG) che inseguono. Notizia che squote i ramarri che alzano i ritmi alla ricerca del vantaggio. Al 18' ci prova ancora Burrai su punizione che viene respinta dalla barriera e successivamente sul pallone vagante arriva Dubickas che calcia forte ma colpisce il palo con il guardalinee che segnala successivamente la posizione di fuorigioco del lituano. Al 25' ammonito Di Carlo per proteste. Il Padova resiste agli assalti neroverdi e all'Euganeo regge l'equilibrio fino al novantesimo con le più ghiotte occasioni capitate al 45° per entrambe con Festa che nega la rete al biancoscudato Bortolussi e con Burrai che a volo sfiora il palo e Deli che lo imita in zona cesarini.

Il tabellino:

PADOVA-PORDENONE 1-1

GOL: pt 30' Torrasi, 38' Vasic.

PADOVA (4-3-3): Donnarumma 7; Belli 6, Valentini 6, Delli Carri 6, Zanchi 6; Vasic 6,5 (st 26' Radrezza 6), Dezi 6, Jelenic 6 (st 26' Cretella 6); Liguori 6, Bortolussi 6,5, Cannavò 6,5 (st 26' De Marchi 6). All.: Torrente 6.

PORDENONE (4-3-1-2): Festa 6,5; Zammarini 6,5, Bruscagin 6,5, Ajeti 6, Benedetti 6,5; Torrasi 6,5 (st 15' Negro 6), Burrai 6,5, Giorico 6; Pinato 6 (st 27' Deli 6); Dubickas 6 (st 44' Piscopo sv), Candellone 6,5 (st 27' Palombi 6). All.: Di Carlo 6.

ARBITRO: Di Marco di Ciampino 6,5, assistenti Votta di Moliterno e Centrone di Molfetta. Quarto ufficiale Rinaldi di Bassano del Grappa.

NOTE: ammoniti Candellone, Burrai, Delli Carri, Giorico, Ajeti e Zammarini. Angoli 6-3. Recupero: pt 2', st 5'. Totale spettatori 3.328, incasso paganti 12.405,60 €.