Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / reggina / Le partite
Gaz.Sport: "Frosinone da urlo, Reggina al tappeto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com
venerdì 9 dicembre 2022, 10:50Le partite
di Redazione Tuttoreggina
per Tuttoreggina.com

Gaz.Sport: "Frosinone da urlo, Reggina al tappeto"

"Frosinone da urlo, Reggina al tappeto", scrive Gazzetta dello Sport nelle pagine nazionali.

"Fabio Grosso non aveva mai battuto Pippo Inzaghi. Al quinto tentativo dopo due sconfitte e due pareggi, ha piazzato un colpo mortifero, lanciandosi verso la Serie A con un passo addirittura superiore a quello del Benevento dei record (2019-20) guidato proprio da SuperPippo, che dopo 15 giornate aveva un punto in meno. Frosinone devastante, perfetto, senza punti deboli. Il rivale diretto, che in casa aveva sempre segnato e puntava all’aggancio in vetta, è stato anestetizzato: nessun tiro in porta per la Reggina. Per la nona volta Turati è rimasto imbattuto, la miglior difesa del campionato ha reso anemico il miglior attacco e c’è un’immagine che rende l’idea di cosa sia oggi la capolista: al 94’, a pochi secondi dal fischio finale, era nell’area avversaria con cinque giocatori a cercare un altro gol.

C’è stato un episodio a segnare la gara, dopo mezzora di sostanziale equilibrio. Durante un normale giropalla, Camporese sulla linea di centrocampo ha sbagliato lo stop: Mulattieri, che sembra svagato ma quando fiuta la preda diventa un cobra, ha preso il pallone ed è partito palla al piede da solo, riuscendo a saltare un Colombi uscito troppo presto e infilando nella porta vuota; terzo gol dell’attaccante a Inzaghi dopo i due con il Crotone lo scorso anno a Brescia. Sulla bilancia della gara non è stato messo un sassolino dalla parte del Frosinone, ma un macigno. Perché la capolista ha gonfiato il petto e si è esaltata, mentre la Reggina – che sullo 0-0 ci ha provato solo con un tiro di Di Chiara e una scivolata di Gagliolo sventata da Turati - è crollata smarrendo la sua identità. Nessuna reazione ragionata, tanta confusione e zero idee. Inzaghi ha cambiato modulo al 10’ della ripresa (4-2-3-1) con Gori davanti, poi ha tolto il nervoso Menez (ammonito alla mezzora per una simulazione) ma si è scoperto senza munizioni. Solo Liotti a 7’ dalla fine l’ha messa dentro, ma la Var ha fatto annullare la rete per una spinta su Sampirisi. Nemmeno quello. No, al Granillo c’è stato solo il Frosinone", l'analisi del quotidiano sportivo.