Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
Da colpo di mercato all'anonimato: che fine ha fatto Martegani?TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 dicembre 2023, 20:30News
di Gaetano Ferraiuolo
per Tuttosalernitana.com

Da colpo di mercato all'anonimato: che fine ha fatto Martegani?

E’ il giocatore simbolo (forse, anche suo malgrado) di questa ormai lunga fase di stagione contraddittoria, confusionaria, schizofrenica, incomprensibile, deficitaria, mortificante della Salernitana. Agustin Martegani, classe 2000, argentino di Rojas, trequartista, mancino, doveva essere il profilo (almeno in prospettiva) più talentuoso della campagna acquisti (?!?) di agosto del direttore sportivo Morgan De Sanctis e il valore aggiunto dell’organico granata.

Inizia così la lunga riflessione del collega Enrico Scapaticci, pensiero che riportiamo integralmente: "Ingaggiato dal San Lorenzo, con la formula del prestito oneroso (per la cifra di 400mila euro) con diritto di riscatto (già fissato a 4 milioni di euro), è stato ufficialmente annunciato dalla società del presidente Iervolino il 25 agosto scorso, dopo un estenuante iter burocratico per ottenere il riconoscimento del passaporto di calciatore comunitario. E, soprattutto, abbondantemente dopo la conclusione del tanto “romanzato” romitaggio estivo tra Rivisondoli e Fiuggi!

In campionato la mezz’ala, che si ispira a De Bruyne, ha collezionato (in 13 giornate, perché nella prima trasferta stagionale, all’Olimpico contro la Roma, non era ancora formalmente tesserato) 398 minuti di presenza sul rettangolo di gioco e nessun gol (fonte: sito web transfermarket.it), pur risultando senza soluzione di continuità pienamente disponibile e fisicamente integro.

Sotto la gestione tecnica di Paulo Sousa è stato sempre utilizzato - tre volte come titolare (nelle gare casalinghe contro Frosinone e Inter e nella trasferta di Empoli) e quattro volte per spezzoni di partita, per complessivi 357 minuti.

Con l’avvento di Filippo Inzaghi è praticamente “scomparso” dalle rotazioni iniziali dei centrocampisti: sei volte su sei in panchina e due sole apparizioni da subentrato (all’Arechi contro il Cagliari e a Reggio Emilia contro il Sassuolo) per un totale di 41 muniti disputati.

Numeri che certificano - a tutt'oggi - un clamoroso flop: del giocatore, di chi l’ha scelto, di chi ha avallato economicamente l’operazione o di chi attualmente lo allena?