Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
Borgobello: "Alla Salernitana serve unione d'intenti e leader. Non è semplice giocare con questa classifica"TUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
martedì 20 febbraio 2024, 19:30News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Borgobello: "Alla Salernitana serve unione d'intenti e leader. Non è semplice giocare con questa classifica"

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, è intervenuto Massimo Borgobello, doppio ex di Salernitana e Monza: “Il calcio è molto diverso rispetto ai miei anni, soprattutto per un elemento, il VAR. C'è molta più correttezza da questo punto di vista e i falli sono molto meno cattivi. A me piace che si giochi bene e lo si può fare a due o tre attaccanti, la differenza la fanno gli interpreti e le condizioni ambientali che stanno vivendo, l'importante è giocare bene e fare risultato attraverso il bel gioco.

Una 'medicina' per la Salernitana? Ci potrebbero essere diversi elementi che passano attraverso l'allenamento, attraverso le persone. Con un certo carattere ci si nasce, ma bisognerebbe conoscere bene i giocatori, a quelli che ci tengono, non solo alla maglia ma proprio per una questione personale al 'non arrivare secondo'. Poi il calcio è cambiato molto, ci sono squadre che hanno qualità tecniche, e pur non avendo un certo tipo di carattere, vincono lo stesso. La classifica della Salernitana purtroppo parla chiaro.

Serve una unione d'intenti, ma anche dei regolamenti interni al club che partano dalla dirigenza, passando per i direttori, l'allenatore, i giocatori. E servono leader, perché se serve la freschezza dei giovani, serve anche l'unità. Poi giocare con una spada di Damocle sulla testa non è facile, perché si va in campo sapendo che bisogna vincere”.