Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / salernitana / News
Salernitana-Roma è anche (e soprattutto) la partita di Agostino Di BartolomeiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com
domenica 14 agosto 2022, 12:00News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Salernitana-Roma è anche (e soprattutto) la partita di Agostino Di Bartolomei

Salernitana-Roma è anche (o soprattutto) la partita di Agostino Di Bartolomei, il campione prematuramente scomparso nel maggio del 1994. Alla Roma ha vissuto i migliori anni della propria carriera, nella squadra della sua città con cui ha vinto lo scudetto da capitano. A Salerno invece ha messo fine alla sua carriera e purtroppo anche alla sua vita. Capitano tra i più amati nella storia della Salernitana, DI Bartolomei era un grande calciatore e un grande uomo, un leader in campo e fuori. Scelse di lasciare la serie A per scendere di due categorie e dare una mano alla Salernitana, a riportarla in Serie B dopo oltre 20 anni di oblio in Serie C. La sua ultima partita è stata proprio quella che ha sancito la promozione in cadetteria dei granata di Ansaloni e del presidente Peppino Soglia, il 3 giugno 1990 contro il Taranto. L'anno precedente fu addirittura messo fuori rosa da Pasinato, non disse una parola e accettò in silenzio senza fare polemiche. Con l'esonero dell'allenatore (e l'arrivo di Leonardi) rientrò in squadra e la guidò verso la salvezza. Poi l'anno successiva la promozione in Serie B, tra le più belle della storia granata. Il calcio poi lo ha dimenticato, fino a quel 30 maggio 1994, pochi giorni prima dei playoff di Serie C, che la Salernitana si apprestava a disputare (e a vincere). Adesso e come allora, guidaci ancora Ago.