Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sampdoria / News Doria
Pirlo alla guida della Sampdoria, Dossena: "L'allenatore è forte se la società è forte"TUTTO mercato WEB
lunedì 24 giugno 2024, 10:49News Doria
di Giacomo Zanon
per Sampdorianews.net

Pirlo alla guida della Sampdoria, Dossena: "L'allenatore è forte se la società è forte"

Giuseppe Dossena, grande ex blucerchiato commenta la sua esperienza doriana e l'attualità in vista della nuova stagione.

Giuseppe Dossena è intervenuto in diretta durante Forever Samp su Telenord, per parlare della sua esperienza doriana e dell’attualità in vista della nuova stagione:

Sulla facilità di integrarsi nella sua Samp: “Dal punto di vista tecnico sicuramente, c’era molta qualità. Poi la società guidata da un presidente visionario, rendeva tutto più facile”.

Sui ricordi della trasferta di Jena: “Una partita solida come tutte quelle giocate in quel periodo. C’era una tranquillità enorme, c’era la certezza e la serenità di poter recuperare. Era una serenità dovuta alle grandi capacità che la squadra esprimeva”.

Sulle scorie della finale di Berna: “Abbiamo vinto l’anno dopo, ma non abbiamo potuto giocarla con il potenziale che potevamo esprimere a causa dei tanti infortunati”.

Sul fatto che lo scudetto vinto fosse poco: “Si doveva combattere contro corazzate, vincere lo scudetto con la Sampdoria era come vincerne 5 in altre piazze. Noi abbiamo fatto il massimo, anche con tutte quelle coppe nazionali, riporta Sampdorianews.net. Dieci finali in cinque anni in una società come questa, credo che quella squadra abbia fatto il massimo. Qualche finale in più forte si poteva portare a casa”.

Su Pirlo: “Intanto non cercare la promozione il primo anno secondo me è stato un errore, ma capisco che la società abbia preferito di mettere a sicuro i conti. L’allenatore è forte se la società è forte. L’allenatore accompagna i giocatori in campo, ma poi ci deve essere l’interpretazione e se l’interpretazione non è buona poi diventa tutto difficile. Vediamo quest’anno se ci sono le risorse e il progetto perché non salire in Serie A con il nome che porti dietro, mi se sembra assurdo”.