Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / sampdoria / Serie A
TMW - Sampdoria, Lanna: "Ci crediamo sempre. Le gare in casa sono fondamentali, siamo vivi"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 29 marzo 2023, 08:45Serie A
di Andrea Piras
tmw

Sampdoria, Lanna: "Ci crediamo sempre. Le gare in casa sono fondamentali, siamo vivi"

"Il miracolo salvezza è ancora possibile". Parola di Marco Lanna. Il presidente della Sampdoria non molla un centimetro. E non potrebbe essere altrimenti. La vittoria contro il Verona ha riacceso le speranze di poter tornare in corsa ma la strada certamente è lunga: "Speravamo di avere qualche punto in più - ha detto il numero uno blucerchiato a margine della Charity dinner di Stelle nello Sport -. Se avessimo avuto un po' più di fortuna e qualche decisione arbitrale più equa, probabilmente sarebbe più facile. Ci crediamo ancora perchè il miracolo è ancora possibile. E la partita con la Cremonese può essere una di quelle partite importanti, delle finali che non si possono sbagliare".

Vale il motto "non mollare assolutamente" sostenuti da un tifo commovente?
"Ci crediamo sempre. Finché l'aritmetica ci darà ragione noi saremo lì a lottare. Noi come società ma la squadra sta seguendo quello che lo spirito da guerriero del nostro mister che riesce a trasmettere questa voglia e questa grinta. Ed è quello che abbiamo noi. Noi come CdA siamo dentro da più di un anno e stiamo lottando per stare in piedi ed è quello che avevamo bisogno: che tutto, non solo la parte manageriale, ma anche la parte sportiva ci seguisse. Mi sembra che la squadra abbia recepito il messaggio e che stia dando il massimo in campo".

La partita della società come la vede?
"E' una partita difficile ma diciamo che lotteremo su tutti e due i fronti: per salvare la squadra e perché la società riesca a rimanere in piedi. Stiamo lavorando, non dico giorno e notte ma quasi. Dormire è sempre una cosa difficile. Ormai sono parecchi mesi che, parlo per me ma penso di parlare anche per gli altri tre membri del consiglio, dormire non è così semplice perchè i pensieri sono ormai dentro la testa e non ce li togliamo finché non li risolveremo".

La strada qual è?
"Stiamo fornendo tutti gli strumenti necessari a chi volesse prendere in considerazione l'ipotesi di acquistare la società affinché il prodotto possa essere acquistato. Io ci credo e fino all'ultimo ci crederò perchè la Sampdoria è un brand talmente bello che non posso credere che non ci sia nessuno che voglia comprare".

E questo ritorno prepotente di Ferrero può essere deleterio?
"Non voglio commentare".


Ha parlato col Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e col Sindaco di Genova Marco Bucci. C'è la possibilità di un aiuto delle istituzioni?
"E' una cosa che ci sta. E' chiaro che certe cose non sono nelle loro possibilità ma l'appoggio ce l'abbiamo da parte loro".

Vi dà fastidio che c'è una proprietà che non perde occasione per farsi sentire?
"Andiamo avanti così che credo sia la strada giusta. Bisogna tenere la barra dritta".

Ora c'è la partita con la Roma. Serve anche un jolly in trasferta?
"E' chiaro che le partite in casa sono fondamentali, soprattutto perchè affronteremo scontri diretti. Però noi andiamo a Roma e la partita cercheremo di farla, come abbiamo sempre fatto col mister. Sarà una partita in cui bisognerà provarci perchè ci crediamo. Siamo lì e siamo vivi. I giocatori ci credono e andiamo avanti".

Stankovic può essere l'uomo del futuro?
"Penso che Dejan abbia già detto che rimarrebbe molto volentieri e penso possa essere un allenatore con cui aprire un ciclo. Vediamo più che altro cosa succederà in società. Poi tecnicamente sarà l'allenatore da cui ripartire".