Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / serie b / Primo piano
Cagliari, Muzzi: "Qui sono diventato uomo e calciatore. A questa città devo tutto"TUTTOmercatoWEB.com
Muzzi
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
martedì 5 luglio 2022, 18:00Primo piano
di Christian Pravatà
per Tuttob.com
fonte www.cagliaricalcio.com

Cagliari, Muzzi: "Qui sono diventato uomo e calciatore. A questa città devo tutto"

Un passato da grande attaccante mai dimenticato dai tifosi rossoblù, un presente che lo vede parte dell'area tecnica nel ruolo di club manager: per Roberto Muzzi è arrivato il momento delle presentazioni, dopo aver già assaporato il campo nella prima giornata di ritiro.

Pochi giri di parole e tanta voglia di mettersi subito al lavoro: di seguito il suo intervento dalla sala stampa dell’Unipol Domus.
“Il primo a chiamarmi è stato il presidente Giulini, con lui ci conosciamo e sentiamo da anni: chiedendomi di tornare mi ha regalato una grande gioia, ho accettato senza pensarci perché amo Cagliari. Qui ho cresciuto i miei figli, sono diventato uomo e calciatore. A questa città devo tutto, sento la responsabilità di riportarla dove merita”.
“Ho vissuto il dolore di una retrocessione sulla mia pelle, so cosa si prova. Quando è capitato a noi siamo risaliti l’anno successivo perché siamo rimasti compatti. Ai giocatori voglio trasmettere l’importanza di valori come l’umiltà, il sacrificio e la dedizione al lavoro. Testa bassa, parlare poco e sudare tanto è il consiglio migliore che posso dare”.
“Sono rimasto dopo la retrocessione del 96/97 perché mi sentivo colpevole. Ho fatto una scelta, ma non siamo tutti uguali. Non parlo di mercato, però posso assicurare che i giocatori che prenderemo sapranno che prima di tutto conterà mettere il cuore in campo, dovranno dare tutto per la maglia”.
“Ieri è iniziata la campagna abbonamenti e non ho dubbi sulla fedeltà dei tifosi rossoblù. La ricordo da giocatore, ci sono sempre stati vicini anche nei momenti più bui. Per chi ama il Cagliari i colori vengono prima di tutto, spetta a noi riconquistare la loro fiducia. Io da tifoso sono amareggiato, mi metto in mezzo, ma sono sicuro che ci supporteranno in questa ricostruzione”.
“Conosco mister Liverani da compagno di squadra, ci stimiamo e rispettiamo e questa è la cosa fondamentale. Io, lui e anche Fabio Pisacane abbiamo un carattere focoso. Cercheremo di trasmettere la nostra carica allo spogliatoio, consapevoli che ci aspetta un campionato di Serie B complesso e che contro di noi gli avversari daranno sempre il massimo”.
“È un ruolo nuovo anche per me. Trovarmi al fianco di un uomo d’esperienza come il direttore Capozucca è un’opportunità per crescere e imparare, la sua presenza è stata fondamentale nella mia scelta. Il presidente Giulini ha creduto in me e io proverò a ricambiare mettendoci passione e impegno, farò di tutto per proteggere la squadra quando necessario. Mi sento un ragazzino con tanta voglia di iniziare”.