Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Primo Piano
Vanoli: "Qualche passo avanti rispetto alla gara con la Reggina, dopo la vittoria del Perugia ho detto ai ragazzi che non avevano più nulla da perdere"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Venezia
domenica 27 novembre 2022, 20:31Primo Piano
di Davide Marchiol
per Tuttoveneziasport.it
fonte Giuseppe Malaguti, trascrizione a cura di Davide Marchiol

Vanoli: "Qualche passo avanti rispetto alla gara con la Reggina, dopo la vittoria del Perugia ho detto...

Paolo Vanoli ha commentato così la vittoria del suo Venezia sul Palermo in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni.

Il match:

"Da quando sono arrivato ho cercato di dare un'idea di gioco, perché secondo me questa squadra ha qualità e personalità per giocare a calcio. In tanti aspetti però non riusciamo ancora a gestire bene la partita, abbiamo fatto un passettino avanti, con la Reggina abbiamo fatto un grande primo tempo, non riuscendo però a portare avanti la cosa nella ripresa. Oggi è successo lo stesso, nel primo tempo abbiamo dominato anche per le occasioni che abbiamo avuto. Poi anche per la condizione fisica da migliorare in tanti ragazzi siamo calati di lucidità".

Vi ha aiutato anche il primo tempo opaco del Palermo?

"Non guardo al Palermo, purtroppo ho tanti problemi nella mia squadra, sapevo benissimo che giocare a Palermo non era facile. So benissimo Corini che tecnico è. E' bravo e lo ha dimostrato anche la reazione del secondo tempo. Sicuramente anche il Palermo è una squadra che giustamente viene in un campionato vinto e deve stabilizzarsi nella categoria, come noi, con la retrocessione che ci ha portato ad essere in queste condizioni mentali. Bisogna costruire una squadra con un obiettivo comune e in questi casi bisogna anche soffrire, nei momenti difficili oggi abbiamo saputo soffrire".

C'era stata la possibilità di vederla a Palermo?

"Sì conosco la proprietà, li ho conosciuti nella preseason con lo Spartak Mosca, è un gruppo importante, stavano a venendo a trattare una percentuale del club e si sono fermati due o tre giorni a guardare il mio lavoro. Ho fatto una lunga chiacchierata con loro che non riguardava il Palermo ma un discorso generale. So che ci vuole pazienza, loro sanno fare bene il calcio, si devono confermare ma penso abbiano i mezzi per farcela".

La vittoria del Perugia vi aveva messo pressione?

"Quando ho saputo il risultato ho detto ai miei che non avevamo più niente da perdere, è come se avessimo zero punti, possiamo solo che guadagnare. Quindi io entrerei e giocherei liberamente. Possono diventare degli eroi salvandosi. Quindi il risultato del Perugia penso ci abbia agevolato, gliel'ho detto, abbiamo un mini mondiale, ci sono sei partite in cui fare punti e poi concentrarsi sulla salvezza. Dobbiamo ritrovare poi sicuramente la vittoria in casa nostra, per i tifosi e per noi stessi, abbiamo una grande occasione sabato prossimo. Abbiamo la chance di recuperare e dobbiamo pensare di non aver fatto ancora niente, sennò ricominciamo sempre da zero".