Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Focus
Venezia, Idzes: "Sto bene e ho ripreso ad allenarmi, la vita qui è fantastica, bello cantare insieme ai tifosi..."
mercoledì 29 novembre 2023, 17:07Focus
di Davide Turco
per Tuttoveneziasport.it

Venezia, Idzes: "Sto bene e ho ripreso ad allenarmi, la vita qui è fantastica, bello cantare insieme ai tifosi..."

Attraverso il sito ufficiale dei Go Ahead Eagles, Jay Idzes ha parlato a 360 gradi dei suoi primi mesi "veneziani", dopo il trasferimento a parametro zero proprio dal club olandese, a cui è ancora molto legato. Vi lasciamo qui parte dell'intervista. 

Come stai Jay:

“Considerate le circostanze, le cose stanno andando bene! Sto vivendo un periodo fantastico qui a Venezia, ma purtroppo sono infortunato da un mese. Ho una trombosi alla spalla, molto fastidiosa. L’infortunio potrebbe sembrare un po’ più complicato di quanto non sia in realtà. Ho ripreso ad allenarmi e mi sto riprendendo bene. Spero di rimettermi presto in forma. Ma a parte questo, mi sto divertendo molto qui. Sono stato accolto molto bene nella squadra, il che mi ha fatto subito sentire a casa. È una squadra con tante nazionalità diverse, il che ovviamente è molto bello, ma ci sono anche tanti italiani. Anche la lingua parlata nello spogliatoio è l'italiano e sto iniziando a impararlo abbastanza bene. Sono qui da 4 mesi ormai e se faccio del mio meglio, posso imparare la lingua abbastanza velocemente. Ciò è essenziale anche per comprendere correttamente le tattiche e le discussioni. Per me in particolare, è molto importante padroneggiare la lingua. Proprio come a Deventer (città dove giocano i Go Ahead Eagles, ndr) ho un ruolo in campo in cui faccio molto da allenatore e servono istruzioni in italiano per farti capire al meglio dai compagni”.

E fuori dal campo ti stai godendo la vita veneziana, vero?

“Puoi dirlo, sì! Viviamo appena fuori Venezia e posso solo dire che la vita qui è fantastica. All'interno del club il lavoro è duro e tutti devono impegnarsi, ma fuori dal club e in città l'atmosfera è molto rilassata. Le persone amano davvero la vita e vivere in una città del genere è perfetto. Sono molto contento di questo, questa opportunità non è certo per tutti. Come calciatore professionista hai più opportunità di vivere questo tipo di avventure all'estero e ne sono molto grato. Alla fine della stagione scorsa ero libero e volevo trasferirmi. Sapevo che trasferirmi all'estero sarebbe stato positivo per la mia crescita, come calciatore e come persona. Ne sono davvero convinto. Ti butti nel profondo e impari molte cose nuove. Ciò è stato dimostrato finora. Mi sono trasferito qui con la mia ragazza e lei ne è rimasta subito molto entusiasta. Questo è molto importante, perché è naturale che ci si imbarchi in un’avventura del genere insieme”.

Quindi è un duro lavoro “all'interno del club”. Ti trovi bene anche a livello sportivo?

“Stiamo facendo bene come squadra. Il nostro obiettivo è chiaro: la promozione in Serie A. Attualmente siamo primi e quindi siamo nei tempi previsti. Anche personalmente per ora sono soddisfatto. Quando sono stato in forma ho giocato quasi sempre e sto crescendo molto bene come difensore. In Italia difendere è davvero una professione a sé stante. Naturalmente l'avevo già sentito, ma ora lo sto sperimentando io stesso. Nella pre-season abbiamo giocato contro il NEC e ho parlato con Bram Nuytinck, che ha giocato per anni in Italia. Lui mi ha detto: 'Imparerai tante cose nuove nei prossimi anni, quindi è meglio che ti prepari!' e aveva ragione. Sono le piccole cose che ricevono un'attenzione molto dettagliata. Impari esattamente come stare in piedi, come correre, come colmare gli spazi vuoti, quale piede mettere e dove per primo quando devi girarti. Naturalmente questo viene detto anche nei Paesi Bassi, ma qui in Italia viene davvero sottolineato. Viene immesso nel tuo sistema, ti colpisce davvero ed è per questo che lo impari bene. Noto già quanti progressi ho fatto in questo senso”.

Noti una differenza tra le varie partite rispetto a prima?

“Per quanto riguarda il calcio, sì. La difesa è molto più solida qui che nei Paesi Bassi. Se siamo in vantaggio per 1-0, in difesa si corre molto meno rischio rispetto a quanto ero abituato. Un buon blocco o contrasto può essere applaudito tanto quanto un gol. Mi sono capitate alcune volte in cui quando vinco la palla con una scivolata vicino alla nostra panchina, l'intera panchina salta in piedi e inizia a gridare. Dal portiere di riserva al fisioterapista. È semplicemente radicato in loro. Ti dà tanta energia quando giochi. L'importante è vincere, devi fare di tutto per questo. Anche durante l'allenamento. Ovviamente giochi basandoti su un sistema e su una tattica, ma la lotta viene sempre prima. Per un giocatore come me è un divertimento, perché è quello che mi piace fare. Riesco sempre a relazionarmi bene quando i tifosi vivono il calcio in questo modo. Perché è vivo e vegeto tra i tifosi qui. Venezia non è una città del calcio come lo è Milano, non fino a questo punto. Ma lo stadio può contenere circa 10.000 persone e i tifosi fedeli sono molto vicini alla squadra. Cantiamo appassionatamente insieme a loro per la vittoria dopo ogni partita. Anche questo è importante, perché in Serie B a volte può essere molto difficile bucare le difese avversarie. Spesso siamo favoriti nella partita, il che significa che spesso l'avversario gioca con la protezione inserita. Questo fa parte della mentalità italiana ed è molto diverso da come viene vissuto nei Paesi Bassi. Ha anche il suo fascino."

Possiamo congratularci con te per qualche altro traguardo?

"Certamente! Da poco potrò essere convocato per la nazionale indonesiana. A settembre sono volato in Indonesia per incontrare l'associazione e i progetti futuri sembrano promettenti. Il processo di naturalizzazione è iniziato e non vedo l'ora di giocare la mia prima partita internazionale. Ovviamente è un paese enorme, ci vivono 270 milioni di persone, ma non è un grande paese calcistico. Ad esempio, non ha mai partecipato a un Mondiale. Ma penso che la nazionale indonesiana sia in crescita. Sempre più ragazzi come me, che in parte sono indonesiani ma possono giocare anche per altri paesi, decidono di giocare lì. Ciò potrebbe provocare una reazione a catena, proprio come accaduto in Marocco anni fa. Alla fine hanno raggiunto le semifinali della Coppa del Mondo. Se più giocatori scelgono un paese, questo avrà più successo e sarà più attraente per un numero maggiore di giocatori. Il mio sogno è quello di giocare per l'Indonesia ai Mondiali. Si spera che ciò sarà possibile nel 2026, quando sarà consentito partecipare a un numero leggermente maggiore di paesi rispetto al normale. Vedremo. C’è un grande piano per mettere maggiormente l’Indonesia sulla mappa del calcio e alzare il livello. Penso che sarebbe fantastico farne parte”.

Sei anche parte responsabile del grande successo dei Go Ahead Eagles negli ultimi anni. Come guardi a quel periodo?

“È stato un momento davvero fantastico. Inizialmente è stato un bel passo per me passare dall’FC Eindhoven a un club leggermente più grande come lo sono gli Eagles. Un bello step. Ma non avrei mai pensato che sarebbe andata così bene. All'epoca c’era l'ambizione di ottenere la promozione entro tre anni, ma il tutto è stato accelerato. Nel giro di un anno fummo promossi e finalmente potemmo giocare davanti al nostro pubblico. Perché ovviamente non l'avevo sperimentato durante il mio primo anno a causa delle regole del CoronaVirus. Le prime impressioni sull'atmosfera allo stadio sono state davvero impressionanti, ed è sempre rimasta tale. Poi, anche per problemi di numeri all'interno della squadra, ho fatto il passaggio da centrocampista a difensore e fino ad oggi si è rivelato un bel passaggio. Tutto sommato è stato un momento molto bello, ma anche educativo. È bello vedere che la tendenza degli anni precedenti continua ora e che i risultati sono ancora una volta buoni”.