Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Nato Oggi...
Bryan Cristante, dall'Italia all'estero per esplodere. Ma alla fine ha messo le radici a RomaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 3 marzo 2024, 05:00Nato Oggi...
di Alessio Del Lungo

Bryan Cristante, dall'Italia all'estero per esplodere. Ma alla fine ha messo le radici a Roma

Dall'Italia all'estero, Bryan Cristante fu uno dei primi talenti costretti ad andare altrove per emergere e trovare spazio. A 18 anni il centrocampista ha esordito in Serie A con la maglia del Milan, 3 presenze da novembre fino al termine della stagione, con un gol, poi il Benfica decise di sborsare 6 milioni di euro per farne di lui il titolare del centrocampo: ambidestro, buona visione di gioco, tecnica, ma soprattutto carisma in grado di trascinare i compagni. In Portogallo però le cose non vanno come sperava, malgrado gettoni ottenuti anche in Champions League, oltre ai due campionati e alle due Coppe Portoghesi vinte. Cristante torna a casa, ma solo in prestito e tra il 2016 e il 2017 vive due avventure importanti come quelle a Palermo e a Pescara, quest'ultima con una squadra neopromossa nella massima categoria.

La svolta avviene nel gennaio 2017, quando l'Atalanta lo acquista in prestito con un'opzione per il prolungamento del prestito per un'altra stagione e successiva opzione per l'eventuale acquisto nell'estate del 2018 per 4 milioni di euro, da aggiungere alla cifra da pagare per il prolungamento del prestito. Con Gasperini trova l'allenatore ideale in quel momento di carriera per lui e viene valorizzato in un modo incredibile: 12 presenze e 3 gol nel finale del 2016-2017, ben 47 partite giocate tra Coppa Italia, Serie A ed Europa League nel 2017-2018, 12 reti segnate e 4 assist forniti. Un exploit che nemmeno gli addetti ai lavori più ottimisti potevano immaginare, più che altro per la rapidità con il quale è avvenuto. Chi conosce il calcio, comincia a fiutare l'affare ed è il caso della Roma, che non ci pensa due volte e nell'estate 2018 lo tessera.


L'accordo prevede un prestito annuale oneroso di 5 milioni di euro, un obbligo di riscatto fissato a 15 milioni e circa 10 milioni di bonus. Il resto è storia recente, parlare di lui come di una bandiera giallorossa forse è un po' esagerato, ma non ci si va molto lontani. Nel percorso fatto a Trigoria è entrato in punta di piedi e si è conquistato ogni giorno il rispetto di tutti, fino ad arrivare al ruolo di leader che ricopre oggi. Cristante è fondamentale nell'accogliere i nuovi acquisti, nel trasmettere sicurezza ai compagni, nel far ritrovare la fiducia a chi l'ha persa e anche nel fare da parafulmine per i più giovani. Spesso criticato e bersagliato da tifosi e media quando le cose non vanno bene, vanta 263 partite con la Roma, 13 gol e 17 assist. Numeri che da soli spiegano l'importanza che ha, l'equilibrio che è in grado di fornire e la sua disponibilità a giocare in più ruoli. Come se non bastasse poi in bacheca vanta una Conference League e un Europeo con l'Italia, non esattamente trofei che vince chiunque. Oggi Bryan Cristante compie 29 anni.