Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
Rep - Multiproprietà, oggi il ricorso dei DeLa. Grassani: "Ripristinare regole del gioco". A metà giugno l'udienzaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
venerdì 20 maggio 2022, 07:00In Primo Piano
di Redazione TuttoBari
per Tuttobari.com

Rep - Multiproprietà, oggi il ricorso dei DeLa. Grassani: "Ripristinare regole del gioco". A metà giugno...

Resta caldissimo il tema multiproprietà. Il nodo non permette ai De Laurentiis di mantenere Bari e Napoli, contemporaneamente, per oltre due stagioni. Già bocciato il primo ricorso, la battaglia non si ferma. Come riferito infatti da Repubblica, Grassani presenterà oggi il ricorso in Corte d'Appello Federale.

"Vanno ripristinate le regole del gioco, quelle che la famiglia De Laurentiis accettò al momento dell’iscrizione del Bari in serie D. Insistiamo sul fatto che non esisteva un’esigenza così importante, visto il divieto dei due club di partecipare alla medesima categoria, tale da compromettere diritti fondamentali quali la libertà di iniziativa economica e la libera concorrenza, sanciti dalle norme costituzionali e comunitarie. Del resto, autorevolissimi organi quali la giunta nazionale del Coni, il Cas e la Commissione europea (con provvedimento a firma di Mario Monti) avevano chiarito, in passato, che soltanto nel momento in cui due club si trovano a partecipare alla medesima competizione i principi anzidetti devono cedere il passo all’esigenza di salvaguardare la regolarità delle manifestazioni sportive", le parole del legale, riprese dal quotidiano.

Dal campo ai Tribunali. "L’udienza dell’appello sarà quasi certamente fissata per metà giugno", scrive il giornale.