Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / Primo piano
Il Mattino - Zola: "Cagliari-Napoli? La sfida che non vorrei mai veder giocare, non tifo per nessuno. Ranieri speciale, è l'uomo giusto per portare alla salvezza i rossoblù"TUTTO mercato WEB
venerdì 23 febbraio 2024, 09:45Primo piano
di Redazione TuttoCagliari
per Tuttocagliari.net

Il Mattino - Zola: "Cagliari-Napoli? La sfida che non vorrei mai veder giocare, non tifo per nessuno. Ranieri speciale, è l'uomo giusto per portare alla salvezza i rossoblù"

Il Mattino ha intervistato Gianfranco Zola, ex campione di Cagliari e Napoli: "Mi ricordo tutto di quelle stagioni in azzurro, le ore che passavo a vedere gli allenamenti di Diego, Careca e tutti gli altri campioni a Soccavo. Io ragazzino che arrivavo da Oliena, paesino della Barbagia tra mandorli e Supramonte». È la notte del battesimo di Francesco Calzona.

Sulla sfida di domenica: "La sfida che non vorrei mai veder giocare. Perché davvero sono pezzi diversi del mio cuore. Diversi, ma non distanti. Chiudo gli occhi e non faccio il tifo per nessuno. Ma è una gara che arriva in un momento particolare per entrambi. Ranieri ha fatto un gesto alla... Ranieri? Vero, quello di dire “ecco qui ci sono le mie dimissioni” sono la testimonianza di chi è Ranieri. Ma solo chi non lo conosce se ne può meravigliare: è l’uomo giusto che può portare alla salvezza il mio Cagliari".

Sul Napoli e sull'ultimoa vvicendamento in panchina: "Che situazione incredibile. Lo confesso: mi aspettavo un calo dopo lo scudetto vinto, d’altronde anche noi nel ‘90 subimmo un contraccolpo l’anno successivo. Ma non di queste dimensioni, di queste proporzioni. Quale il più grave errore? Forse, davvero le motivazioni. Forse, vinto lo scudetto doveva scattare nella squadra che ha dominato l’anno scorso una scintilla differente che, invece, non è arrivata. Non c’è stata la forza di autoricaricarsi e di adeguarsi alla nuova dimensione di campione d’Italia. Ma il Napoli è il Napoli e se lo devono ricordare sempre tutti. Sensazioni ha avuto da Napoli-Barcellona? Ho visto il lavoro di un allenatore che in poche ore ha già tentato di ridare l’impronta del Napoli dell’anno scorso. Attenzione, non è semplice. E non è scontato che ci riesca. Ma questi giocatori sanno quello che devono fare e può darsi che Calzona riesca a farli esprime di nuovo a quei livelli. Per molti momenti, il Napoli ha giocato davvero bene. Il Napoli si può rialzare? In tanti hanno fatto con Spalletti un campionato straordinario, forse al di sopra di quello che era il proprio valore. E ora sembrano deludenti. Ma sono sicuro che i vari Anguissa, Kvara, Lobotka hanno le potenzialità per tornare a quei livelli"

Su Zielinski fuori dalla lista Champions: "Inspiegabile. Per me è un clamoroso autogol, il Napoli ha bisogno della sua qualità. In Inghilterra non sarebbe successo mai, un giocatore resta un patrimonio della società fino all’ultimo giorno di contratto"