Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / News
De Rienzo difende Juan Jesus: "Non è tra i responsabili del gol Cagliari! No al cyberbullismo"TUTTO mercato WEB
lunedì 26 febbraio 2024, 16:15News
di Martina Musu
per Tuttocagliari.net

De Rienzo difende Juan Jesus: "Non è tra i responsabili del gol Cagliari! No al cyberbullismo"

La giornalista Jolanda De Rienzo è stata ospite di Luca Cerchione durante 1 Football Club, programma in onda su 1 Station Radio. "Lo spartito del Napoli, anche cambiando il direttore d’orchestra, non è cambiato? Odio avere ragione nell’ultimo periodo… Infinite volte ho detto ‘spero di sbagliarmi’. Calzona non poteva essere la soluzione, e non è un discorso filomazzarriano. Con la speranza di sbagliarmi, e fidandomi anche quello che poteva essere il giudizio di De Laurentiis, ritenevo che il Napoli non avesse bisogno di un cambio di allenatore. [...] Il Napoli aveva bisogno di un leader, di essere squadra, ha bisogno di uno spogliatoio. Con Calzona abbiamo visto la stessa squadra impaurita, e qualcosa non quadra”.

"Il problema non è Juan Jesus, tra i responsabili del gol del Cagliari, ma chi ritiene possa garantire continuità di prestazione in tutto il campionato? Fatemi dire che la colpa non è di Calzona. Fatta questa analisi, non vorrei che qualcuno pensasse che per me ricadano su di lui le responsabilità. Un allenatore può essere un fattore quando c’è programmazione, quando c’è una squadra ben costruita. Il Napoli, già questa estate, non era una squadra ben costruita".

Infine, sulle offese ricevute sui social dal difensore del Napoli: "Anzitutto, c’è da condannare qualsiasi episodio di razzismo e cyberbullismo sui social. Non è la prima volta che accade, ma i tifosi che augurano il peggio ai calcatori non sono tifosi, bensì dei frustrati. È gente che avrebbe bisogno di un aiuto importante… Detto ciò, c’è un errore di disattenzione di Juan Jesus evidente, ma nessuno mi sembra abbia aiutato il brasiliano. Ci sono quattro giocatori del Napoli in area, tra cui Meret che rimane immobile. Dunque, credo che tutto il Napoli sia da considerare una squadra ridimensionata".