Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / Approfondimenti
Il Cagliari sempre più vicino al baratro: il tempo degli alibi è finitoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 8 dicembre 2022, 15:15Approfondimenti
di Paola Pascalis
per Tuttocagliari.net

Il Cagliari sempre più vicino al baratro: il tempo degli alibi è finito

Il Cagliari visto a Terni, così come successo anche in passato, ancora una volta ha dimostrato di essere una squadra a cui mancano la cattiveria sotto porta e la concretezza. Di fronte a un avversario alla propria portata, i ragazzi di Liverani non sono comunque riusciti a portare a casa i tanto agognati tre punti che mancano ormai da troppo tempo. Inutile volersi aggrappare agli episodi o alla sfortuna se in 11 giornate si è riusciti a vincere in una sola occasione, contro il Brescia di Clotet. Il Cagliari, capace di un possesso palla sterile e fine a sé stesso, non ha mai convinto sotto il profilo del gioco, ma soprattutto non riesce più a vincere e ora, all'ambiente, più che la possibilità di una stagione mediocre, spaventa il baratro dei playout che si è fatto pericolosamente vicino.

Cosa succeda in casa rossoblù è difficile da capire: da una parte Liverani, che alla sua conferenza stampa di presentazione prometteva che la sua sarebbe stata una squadra che avrebbe provato a vincere tutte le partite e che, di volta in volta, ha invece chiesto tempo e pazienza, sottolineando che "i conti si fanno a marzo". Dall'altra Giulini, ormai contestato dalla maggioranza dei tifosi del Cagliari, che, come avvenuto lo scorso campionato con Walter Mazzarri, sembra essersi fossilizzato su un allenatore che, dati alla mano, è molto lontano dal dare alla squadra un'idea di gioco e il cui bottino è talmente magro che mettere in dubbio il suo operato, sembra veramente il minimo. La retrocessione arrivata a Venezia, avrebbe dovuto insegnare che se errare è umano, perseverare nei medesimi sbagli, è quanto meno diabolico. Il girone di andata è praticamente agli sgoccioli, mentre il tempo degli alibi è finito da un pezzo e il Cagliari non può più aspettare se non vuole sprofondare e raschiare il baratro anche in questa stagione.