Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fantacalcio / NEWS
Bologna - Motta sul ballottaggio Calafiori e Lucumì e su UrbanskiTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 22 febbraio 2024, 16:00NEWS
di Luca Di Leonardo
per Tuttofantacalcio.it

Bologna - Motta sul ballottaggio Calafiori e Lucumì e su Urbanski

Le parole del tecnico felsineo alla vigliia del match contro il Verona

Oggi ha parlato Thiago Motta, tecnico del Bologna, alla viglia del match contro il Verona in programma domani sera alle 20:45 per l'anticipo della 26^ giornata.

Ecco le news più interessanti in ottica fantacalcio, riprese da Tuttomercatoweb.

L'IMPORTANZA DEI 5 CAMBI: "Tutti in squadra si allenano molto bene, ma possiamo iniziare solo in undici. C'è però il momento dei 5 cambi, nel quale chi entra può contribuire al lavoro della squadra e spesso sono proprio i cambi che ci hanno permesso di fare la differenza".

BALLOTTAGGIO CALAFIORI - LUCUMÌ: "Calafiori può giocare sia centrale che terzino. La concorrenza non è solo tra di loro, perché possono giocare anche insieme. Lucumì è un giocatore molto tecnico, che in uscita vede i passaggi per i compagni. Calafiori porta palla, sa inserirsi anche senza palla. Entrambi stanno molto bene e meritano di giocare. Come ho già detto, possiamo iniziare solo in 11. Sono entrambi due professionisti che non sono contenti di partire dalla panchina, ma sanno di poter fare la differenza anche a gara in corso".

CRESCITA URBANSKI: "Ha giocato spesso in un ruolo non suo. Con noi ha fatto l'esterno di sinistra, di destra, la mezzala. E' un ragazzo che sente il gioco, che sta migliorando perché è consapevole delle sue possibilità. E' stato in grado di guadagnarsi giorno dopo giorno il rispetto dei suoi compagni. All'Olimpico è entrato con consapevolezza, nonostante la giovane età. E' un grande lavoratore e sembra non sentire mai il dolore. Grazie a questo atteggiamento è riuscito a conquistare la fiducia dei compagni, che hanno capito di che pasta è fatto".