Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / News
NICO, Preferisco giocare a destra. Italiano mi chiede...TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023 @fdlcom
giovedì 7 dicembre 2023, 18:10News
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

NICO, Preferisco giocare a destra. Italiano mi chiede...

Tutti i segreti di Nico Gonzalez su FC24. In collaborazione con Dazn Nico Gonzalez, intervistato dall'ex giocatore Dario Marcolin, ha parlato delle sue skills sul gameplay. Queste le sue parole su questo e molto altro. 

Si rivede nei numeri delle skills assegnate da FC24? "Avrei alzato un po' la fase difensiva (ride, ndr,)".

Meglio giocare a destra o a sinistra? "Mi piace giocare più a destra, perché mi piace rientrare e calciare in porta o fare assist. Io sono felice di giocare a calcio e se ci fosse da fare il portiere lo farei".

Fondamentale è il primo controllo... "Sì, per noi esterni è fondamentale il primo tocco, è quello che ti permette di rientrare, di fare l'uno contro uno e di andare in porta. Vale quasi metà gol". 

Quando ha conosciuto Messi? "Eravamo in Nazionale a pranzo. Lui è arrivato, ha salutato tutti e abbiamo pranzato. Poi è venuto a salutarmi di persona. Vederlo sempre per noi argentini è un esempio, è un sogno stare lì e giocare con lui". 

Su Italiano: "Lui è un pazzo (ride, ndr). Per noi è troppo importante. Anche contro le squadre forti, andiamo in pressione alta. Stiamo facendo bene, il mister è una brava persona. Lui mi chiede di fare gol, di calciare in porta quando rientro. Io ci provo, ma non è facile". 

Qualche segreto? Per esempio lo stacco di testa... "Anche mio babbo saltava molto in alto. Ho allenato molto il salto, e quando vedo la palla in aria penso sempre "questa è mia".

Su Batistuta: "Mi piace vedere quello che ha fatto lui, ha fatto la storia qua. Quando andiamo a mangiare fuori in città sempre ci fermano e ci dicono di Bati. L'ho conosciuto, è una brava persona. Abbiamo parlato di calcio. Fare quello che ha fatto lui sarà difficile però noi come argentini facciamo il nostro ruolo per scrivere la nostra storia. E' stato un grande campione".

Sui calci di rigore: "Io penso a me, a stare tranquillo. Con il Bologna qualcuno mi ha detto qualcosa e per quello ridevo. Quando sono lì sento la responsabilità della squadra che si fida di me. In quel momento io devo solo pensare a stare tranquillo". 

          Visualizza questo post su Instagram                      

Un post condiviso da DAZN Italia (@dazn_it)