Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Radio FirenzeViola
MALOTTI A RFV, Cura attaccanti? Serve un titolareTUTTO mercato WEB
lunedì 11 dicembre 2023, 12:48Radio FirenzeViola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

MALOTTI A RFV, Cura attaccanti? Serve un titolare

Il tecnico Roberto Malotti è intervenuto ai microfoni di Radio FirenzeViola, durante la trasmissione "Chi si compra?", iniziando da una considerazione se la Fiorentina potesse osare di più in 11 contro 9: "Quando l'allenatore è troppo offensivo sbaglia, quando è più guardingo non va bene. Serve più equilibrio nei giudizi. E' chiaro che si può sempre far qualcosa in più per vincere le partite, ma in circostanze come quelle di ieri è la situazione tattica che fa la differenza, a prescindere che giochi un attaccante in più o meno. La Fiorentina ci ha provato, io oggi mi preoccuperei molto di più se fossi Mourinho piuttosto che se fossi Italiano. Certi tipi di gare sono partite delicate contro squadre forti, a cui bisogna stare attenti nonostante la doppia superiorità numerica. Non penso si possa rimproverare a Italiano il non provare a vincere le partite, se c'è una cosa che il tecnico ha è proprio la mentalità vincente". 

Una classifica così, che con una vittoria può portarti dall'ottavo al quarto posto, va tenuta di conto o va ignorata in vista di gennaio?
"E' presto per valutare la classifica ma il livello è bassissimo: la Roma vista ieri, nonostante sia tra le più accreditate per andare in Champions League, non mi sembra una squadra irresistibile. Rispetto a quanto visto finora penso che alla Fiorentina basti poco per ambire a posizioni di vertice". 

Da allenatore, come si gestisce un momento difficile per un centravanti?
"Lo ribadisco: la miglior medicina per un attaccante in difficoltà è giocare titolare. Un attaccante deve sapere che, nonostante stia attraversando un periodo buio, la domenica dopo scenderà di nuovo in campo dal primo minuto. Poi è chiaro che uno non può insistere per sempre, però quello del centravanti è un ruolo delicato e per me serve un titolare e una riserva".

PER L'INTERVISTA COMPPLETA ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST