Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Radio FirenzeViola
BERTI A RFV, 30 milioni per Retegui sono tanti. Su Martinelli...TUTTO mercato WEB
© foto di Gianni Barbieri
martedì 11 giugno 2024, 21:40Radio FirenzeViola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

BERTI A RFV, 30 milioni per Retegui sono tanti. Su Martinelli...

rfv
Gianluca Berti a Radio FirenzeViola
00:00
/
00:00

L'ex portiere Gianluca Berti è intervenuto a Radio Firenzeviola per parlare di attualità viola. Ecco le sue parole sul prossimo mercato estivo: 

Sul ruolo dell'attaccante: "Ci vuole un centravanti, un numero 9. Dopo l’innominabile, come dicono a Firenze, è difficile trovare un giocatore come lui. Dopo Vlahovic, la Fiorentina ha fatto parecchia fatica. I 30 milioni per Retegui sono tanti, ma se vai a chiedere un giocatore normale, la richiesta è di 25 milioni. Bisogna andare in giro e avere uno scouting funzionale. Inoltre, influisce molto anche il palcoscenico che una società può offrire. La Fiorentina, se non va in Europa League, non riesce ad attrarre giocatori".



Il giudizio sui portieri: "Terracciano ha fatto una signora stagione. Gollini non l’avrei ripreso, solo per il fatto che da giovane ha fatto altre scelte. Sirigu si è fatto male. Christensen lo reputo inferiore al numero 1. Martinelli non lo terrei per farlo giocare solo in Conference, preferirei andasse a farsi le ossa in Serie C da una società amica. In ogni caso, se hanno acquistato il danese, ci sarà un motivo, e Terracciano sarà nuovamente centrale".

Sul ritiro al Viola Park: "Oggi non è più come una volta: dopo una settimana si inizia a giocare. È vero che il ritiro si fa a Firenze, dove fa molto caldo, ma il Viola Park ha tutto: aria condizionata, piscine. Basta fare una settimana in città, e poi le squadre vanno a fare le tournée e le amichevoli internazionali".

Ascolta il podcast!