Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / L'editoriale
CHE PECCATO, BENSERVITO A JACK E CASTROVILLI: LA FIORENTINA NON CI CREDE E LI SALUTA. A VOLTE TORNANO: ZANIOLO SI RIAVVICINA AI VIOLA. PRADÈ RIUSCIRÀ A TROVARE UN CENTRAVANTI? SARÀ IL MERCATO VERITÀ: CHI SBAGLIA PAGATUTTO mercato WEB
sabato 22 giugno 2024, 11:10L'editoriale
di Mario Tenerani
per Firenzeviola.it

CHE PECCATO, BENSERVITO A JACK E CASTROVILLI: LA FIORENTINA NON CI CREDE E LI SALUTA. A VOLTE TORNANO: ZANIOLO SI RIAVVICINA AI VIOLA. PRADÈ RIUSCIRÀ A TROVARE UN CENTRAVANTI? SARÀ IL MERCATO VERITÀ: CHI SBAGLIA PAGA

La Fiorentina ha scelto ed è legittimata a farlo. Fatti fuori Bonaventura e Castrovilli: per ragioni economiche in relazione all'età per il primo, per scarsa fiducia nel secondo. Magari qualche remora dopo il terribile infortunio, nonostante il rientro nel finale di stagione fosse stato positivo come sottolineato anche dallo stesso Italiano. Senza dimenticare gli attriti in sede di rinnovo contrattuale emersi molti mesi fa. Castrovilli, con valide ragioni, vuole un contratto con precise garanzie economiche che la società non vuole riconoscergli.

Nell'esclusione dei due "piedi buoni" del centrocampo viola, c'entra tanto anche le volontà di Raffaele Palladino: è lui il nuovo allenatore e a lui toccano le responsabilità di scegliersi la squadra sulla scorta delle proprie indicazioni. E' un peccato, però: primo perché sono calciatori che hanno dato tanto alla Fiorentina, oltre ad essere professionisti seri. Secondo perché sostituirli non sarà facile, stante la ritrosia a robusti investimenti emersa nelle ultime sessioni di mercato. Ma così è se vi pare: il club decide e i risultati decretano la bontà o meno di certe scelte.

Il tempo sarà la cassazione della politica di questa dirigenza che per adesso va aiutata, visto il dilagante scetticismo di cui è vittima. Spetterà a Pradè e ai suoi sodali sovvertire quest'aria pesante da basso impero, mentre alto è l'indice di sgradimento nei riguardi del diesse e di chi divide con lui il comando. Coraggio, bastano un paio di colpi ben assestati per capovolgere questo fumoso scenario. In caso contrario Firenze presenterà il conto. Questo sarà il mercato più difficile da quando Commisso è diventato il patron della Fiorentina. La fiducia è a scadenza breve, come una mozzarella sul banco di un supermercato. 

Perché la grande domanda è: Pradè sarà capace di trovare finalmente un centravanti? Mica Oshimen e nemmeno Haaland, non siamo impazziti. Basta un tipo che sappia garantire un'abbondante doppia cifra di gol e che, già che ci siamo, faccia giocare in 11 la squadra. Evento quest'ultimo capitato di rado da quando la società, con un autentico "capolavoro" si disfece di Vlahovic. La speranza è che Pradè alla fine, scrollatasi di dosso un po' di ruggine, sia in grado di mirare al bersaglio grosso. Per lui e per tutto il club anche sul piano dell'immagine sarebbe un passo di importanza straordinaria. 

Per adesso sono tanti nomi che vengono accostati a targhe alterne alla Fiorentina. Uno lo possiamo togliere: Maurito Icardi resterà al Galatasaray. Era il sogno di tanti tifosi viola, nonostante 9 milioni netti di ingaggio. Ecco, resterà tale. 

Quindi lo scout: gli osservatori viola saranno in grado di scovare e scommettere su un giovane attaccante europeo o sudamericano? Sarebbe bello che la Fiorentina tornasse a individuare giovani talenti come accadeva ai tempi di Pantaleo Corvino. Dal 2019 ad oggi i nuovi Jovetic, Ljajic, Milenkovic, Vlahovic...non si sono più visti. Quella era una politica giusta. Le vecchie sane abitudini andrebbero rispolverate: certo per farlo servirebbe una bella dose di competenza. 

Intanto dalla Turchia torna caldo il nome di Zaniolo, ex viola (nelle giovanili) ed ex Roma (particolare che non guasta da queste parti). La Fiorentina ci aveva fatto già un pensierino nell'estate 2023 e ci torna sopra in questi giorni. La pista è da monitorare con attenzione perché si sta studiando la possibilità di fare l’operazione sulla base di un prestito oneroso a 2,5 milioni con diritto che può diventare obbligo a 14-15. Nell’affare la carta giusta potrebbe essere anche Amrabat, che al Galatasaray piace molto. Sarà il mercato della verità, chi sbaglia paga. Di solito funziona così. Di solito...