Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / L'editoriale
IL GIORNO DI PALLADINO E LE PRIME INDICAZIONI SULLA FIORENTINA CHE VERRÀ. CON IKONÈ IN USCITA ZANIOLO È UN’IPOTESI CONCRETA, OCCHIO ALLE SIRENE INGLESI PER KAYODE. PER LA PORTA MUSSO O AUDERO SE IL GENOA SPINGESSE SU TERRACCIANOTUTTO mercato WEB
martedì 25 giugno 2024, 11:00L'editoriale
di Tommaso Loreto
per Firenzeviola.it

IL GIORNO DI PALLADINO E LE PRIME INDICAZIONI SULLA FIORENTINA CHE VERRÀ. CON IKONÈ IN USCITA ZANIOLO È UN’IPOTESI CONCRETA, OCCHIO ALLE SIRENE INGLESI PER KAYODE. PER LA PORTA MUSSO O AUDERO SE IL GENOA SPINGESSE SU TERRACCIANO

Il giorno di Palladino, la sua prima conferenza stampa da allenatore della Fiorentina, e se non è una ripartenza questa poco ci manca. Anche se il mercato è ancora ben lontano dall’entrare nel vivo l’insediamento del nuovo tecnico è il primo passo verso la nuova stagione, e sarà certamente interessante ascoltare le idee da mettere in campo. C’è chi lo descrive più equilibrato, nelle strategie, del suo predecessore, certamente meticoloso e molto ambizioso, e c’è anche chi è curioso di vederlo all’opera in un ambito, quello viola, dove oltre le pressioni per il triennio che l’ha preceduto non ci sarà più un garante del calibro di Adriano Galliani

Prime indicazioni di mercato da parte del tecnico - Di certo è lecito immaginare che Palladino abbia già fornito i suoi punti di vista su quella che sarà la squadra da dirigere, e alcune tracce di mercato sembrano già tracciate proprio in virtù dei primi dialoghi interni. E’ il caso di Bonaventura, il cui rinnovo resta in alto mare, o dei primi nomi individuati sul mercato che verrà, come Colpani o ancora Brescianini, mentre molto dovrà ancora essere deciso in base anche a quante e quali offerte arriveranno al Viola Park. Così dopo aver salutato Arthur e Maxime Lopez i viola si preparano a salutare Ikonè per il quale l’Al Arabi è pronto a metter sul piatto una decina di milioni di euro, primo cambiamento in un reparto offensivo in cui la ricerca della punta rimane per il momento in sospeso tra le valutazioni troppo alte di Retegui e un’attenzione nei confronti di Lucca che non è diminuita. Al contrario è in porta che qualcosa potrebbe muoversi, tanto più se sul mercato dei portieri l’Inter dovesse muoversi per Martinez del Genoa. In cerca di un sostituto i liguri valutano la posizione di Terracciano, in un domino che porterebbe la Fiorentina a valutare un profilo tra Audero (di rientro alla Sampdoria ma non destinato a restare in serie B) e Musso (per il quale però l’Atalanta chiede almeno 10 milioni di euro).

Da Zaniolo ad Amrabat resistono la pista turca - Nel frattempo sono dati in ripresa i contatti tra Fiorentina e Galatasaray per Zaniolo. L’ex giallorosso, l’anno scorso all’Aston Villa, avrebbe ribadito il suo assenso a un ritorno in serie A con la maglia della Fiorentina, e mentre a Bergamo sono in corso identiche riflessioni la dirigenza di Commisso potrebbe mettere sul piatto il nome di Amrabat come chiave per convincere il club di Istanbul. Ad oggi per Zaniolo servirebbe un prestito oneroso da circa 2,5 milioni e magari un riscatto che porti la cifra complessiva intorno ai 15 milioni, ma intanto l’eventuale ingaggio non rappresenterebbe un problema. Occhio semmai alle avances dall’Inghilterra per Kayode, già nel mirino del Tottenham e ora seguito pure dall’Aston Villa. Perdere il talento più interessante cresciuto nel vivaio rischierebbe di rivelarsi un pesante autogol per la Fiorentina, ancor prima che in termini di una sostituzione non semplice certamente in termini di ambizione e programmazione.