Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / genoa / Serie B
Venezia, Javorcic: "Condizione approssimativa, è normale. Aramu? Non convocato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
sabato 13 agosto 2022, 21:34Serie B
di Simone Lorini

Venezia, Javorcic: "Condizione approssimativa, è normale. Aramu? Non convocato"

Ivan Javorcic ha presentato la sua gara d’esordio in Serie B sulla panchina del Venezia in programma domani sera allo stadio “Penzo” contro il Genoa: “Il recupero dei 13 positivi è un’ottima notizia, ci dà entusiasmo e fiducia, finalmente possiamo ripartire e parlare solo di calcio. La rifinitura di oggi ci dirà tanto su chi potrà esserci e chi no per quanto riguarda anche la lista convocati. Il tempo a disposizione è poco, quindi la rifinitura sarà determinante. Non so ancora dire dunque chi potrà essere della gara e chi no”, le parole raccolte da TuttoVeneziaSport.

Come avete preparato la gara con pochissimi disponibili?
“Ci siamo concentrati intanto sull’avversario in questa preparazione un po’ diversa dal solito, sulle loro qualità e caratteristiche. Quindici siamo preparati guardando ciò che possiamo controllare, poi ogni giorno cercavamo di avere più feedback possibili sulla formazione, cercando di risolvere le problematiche Covid e acciacchi. Ci siamo concentrati molto sulla preparazione individuali, sono quelle cose che quando hai la squadra al completo non riesci a concentrarci più di tanto. Poi per fortuna grazie anche al grande lavoro dello staff medico e di tutte le componenti che circondano una squadra di calcio siamo riusciti a riavere tutti a disposizione, ora proveremo a preparare la gara in poco tempo”.

Gli acciaccati pre-Cesena come stanno?
“Stanno bene, per gli acciaccati non ero preoccupato perché erano risolvibili in breve tempo e sono tutti recuperati. Chiaro però che la condizione è approssimativa, non tutti hanno la partita nelle gambe e qualche rischio dovremo prenderlo. Le variabili da tenere in considerazione saranno tante”.

De Vries è squalificato?
“Sì sarà squalificato, ce l’ha da scontare da una competizione diversa ma in questo momento essendo uscito dall’età per fare la Primavera la deve scontare in questo campionato. Unico squalificato? Sì”.

Connolly come sta?
"Connolly “Sta bene, è recuperato, bisogna vedere in generale però in base ai novanta minuti. Quindi ci saranno dei giocatori che inizieranno la gara ma do tanta importanza anche a chi subentrerà. Ci sarà qualche ragazzo ancora aggregato, chiaramente in questo momento di emergenza qualcuno andrà gestito”.

Il Genoa? Aramu sarà convocato?
“Il Genoa, in questo momento, è la squadra più preparata del campionato, per struttura della squadra, obiettivi dichiarati, la continuità del lavoro con Blessin, in questo momento qua secondo me è un vantaggio strategico rispetto ad altre compagini. Sono molto fisici, con picchi di qualità e un attaccante importante come Coda. Dovremo cercare di togliergli i punti di forza e colpirli dove potrebbero avere problemi, come sempre in ogni strategia. Per quanto riguarda Aramu non sarà convocato per questioni ovvie di mercato"

Qualche Primavera che ha fatto bene contro l’Ascoli potrebbe essere riconfermato?
“I ragazzi hanno dato un’ottima impressione e questo è un dato di fatto, poi parliamo di tanti ragazzi ancora molto giovani e non possiamo caricarli troppo di responsabilità. Qualcuno potrebbe seguirci per domani, dovremo cercare di dargli la giusta fiducia, i giusti insegnamenti e non troppa responsabilità, credo questa tocchi ai giocatori della prima squadra. Poi a giuste dosi qualche ragazzo può dire la sua, ma è giusto non eccedere”.