Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / genoa / Serie A
Preziosi: "Il calcio non mi manca. Thiago Motta può ambire a piazze molto più importanti"TUTTO mercato WEB
mercoledì 29 novembre 2023, 14:08Serie A
di Alessio Del Lungo

Preziosi: "Il calcio non mi manca. Thiago Motta può ambire a piazze molto più importanti"

Enrico Preziosi, ex presidente del Genoa, ha rilasciato un'intervista a Sky Sport, nella quale è tornato a parlare della lontananza dal mondo del calcio: "Ho acquisito molta serenità e meno stress. Francamente, anche se nessuno ci crede, a me il calcio non manca. Ho già dato ed è stato come togliersi un peso dallo stomaco. Il calcio di oggi, forse, non mi appartiene più. Noi abbiamo fatto le cose sempre per passione, non per soldi, nonostante siano arrivate molte critiche dai tifosi. Quel tipo di presidente che io rappresentavo non esiste più e ci sono solamente risultati da raggiungere attraverso meccaniche che non mi appartengono. Insomma, non soffro".

Thiago Motta è la sorpresa di questa Serie A.
"Per me non è una sorpresa. L'ho lanciato in Serie A per la prima volta anche se poi l'avventura, date le circostanze, non era delle più ideali. Interpreta il calcio in maniera moderna ma soprattutto si fa amare dai propri giocatori. Lo presi in squadra quando nessuno gli dava una lira. Lui ha saldato il debito con me a livello di risultati calcistici. Abbiamo sempre avuto un bel rapporto, ci guardavamo negli occhi e basta. L'ho chiamato ed è venuto ad allenare".


La sua avventura è durata solo 10 partite.
"Forse è stato troppo immediato il salto in una società che aveva difficoltà ai tempi, ma i grandi centrocampisti possono sempre diventare grandi allenatori. Lo presi perché mi fido di uomini come lui perché hanno una coscienza professionale e dei valori. Oggi ha capito la Serie A perfettamente. ll Bologna è una squadra compatta che ha investito e anche se non ha eccellenze particolari riesce a far esprimere al meglio la rosa, che non è quella dell'Inter o della Juve... Può ambire a piazze molto più importanti, con tutto il rispetto per il club in cui è ora".

Il Genoa lo segue ancora?
"Quando posso vedo volentieri le partite. Gilardino con le assenze che ha sta facendo un buon lavoro. Essendo una neopromossa paga lo scotto però mi sembra una squadra che gioca, a parte gli ultimi dieci minuti di blackout che ha spesso". "Se dovessi tornare nel calcio lo farei solamente per Avellino, la mia città. Ho investito centinaia di milioni in altre società ma ho dato veramente poco per la mia città. Ma non in questo momento perché ho altre cose da fare".