Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Inter, stamattina doppio confronto alla Pinetina: ecco la principale critica della dirigenzaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 11 marzo 2023, 11:00Primo piano
di Mattia Albertella
per Linterista.it

Inter, stamattina doppio confronto alla Pinetina: ecco la principale critica della dirigenza

Dopo il duro ko contro lo Spezia questa mattina la dirigenza sarà presente alla Pinetina. Come riporta Gazzetta.it l'ad Marotta, il ds Ausilio e il suo vice Baccin stamani saranno al centro sportivo di allenamento e parleranno con Inzaghi per valutare con lui la prestazione del Picco. Successivamente ci sarà il faccia a faccia tra il tecnico e i giocatori, con tanto di analisi degli errori commessi. La dirigenza muove una critica ben precisa al tecnico e allo spogliatoio in generale: chi vuole puntare in alto, ovvero allo scudetto, non può permettersi una stagione sulle montagne russe. Ma al tempo stesso i vertici alti di viale della Liberazione sanno che questo non è il momento dei processi. All’orizzonte ci sono i quarti di finale da conquistare ed è anche per questo che, salvo stravolgimenti rispetto a ieri sera, non ci sarà nessun ritiro punitivo.

Ma da Inzaghi stamani partirà la richiesta, l'ennesima, di un'immediata inversione di rotta. Sarà un'altra lunga giornata post ko di questa Inter che non è ancora diventata... grande e che martedì si troverà di fronte all'esame della verità. Anche perché martedì servirà  un Inter più attenta e senza la sindrome da trasferta che ormai pare un difetto congenito.