Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
L'ex capo osservatore del Racing incorona Lautaro: "Può vincere il Pallone d'Oro"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 novembre 2023, 18:11News
di Luca Chiarini
per Linterista.it

L'ex capo osservatore del Racing incorona Lautaro: "Può vincere il Pallone d'Oro"

"Più importante e sentita è la partita, più Lautaro è pronto e invogliato a risultare decisivo. Può raggiungere qualunque obiettivo. Oltre a una tecnica invidiabile e a una condizione fisica importante, è forte di testa". A tessere le lodi di quello che è a tutti gli effetti uno dei suoi pupilli è Fabio Radaelli, ex capo osservatore del Racing, oggi al Tigre: "Lo attendono nuovi e grandi successi - assicura ai taccuini di Tuttosport -. Sono convinto possa vincere il Pallone d’Oro, non ci sono dubbi. Ce la fa sempre a ottenere quanto prefissato. Per noi che lavoriamo nello scout a livello giovanile, era strano che nessuno lo avesse già preso e portato in qualche club prestigioso per fargli seguire una certa trafila. Meno male che non è successo, così mi è stata data la possibilità di essere conosciuto nel mondo come il suo scopritore.

È un orgoglio per me essere stato colui che è portato nel grande calcio quello che oggi è il calciatore argentino col valore economico maggiore nel globo. La scorsa settimana i ragazzi del Tigre, società per cui lavoro in questo momento, hanno partecipato a un torneo giovanile organizzato a Bahia Blanca, dove Lautaro è cresciuto. Non appena arrivato sono stato colto da un forte senso di nostalgia, che poi è pure aumentato, visto che mi sono riaffiorati nelle mente i vividi ricordi di tutto quello accaduto con lui. Poco dopo gli ho scritto: 'Lauti, stiamo partecipando a un torneo che si chiama…Lautaro Martinez'. Lui mi ha risposto: 'Che orgoglio!'. Era felice che la sua città natale gli avesse già dedicato un torneo. Siamo arrivati in finale e abbiamo perso ai rigori contro il River: un’esperienza più che positiva. Peccato solo per una cosa, non credo di aver visto in questa occasione il nuovo Lautaro".