Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Condò scettico: "Diritti tv in calo? Se il massimo che possiamo offrire è questo Juve-Inter..."TUTTO mercato WEB
sabato 2 dicembre 2023, 16:52News
di Marco Corradi
per Linterista.it

Condò scettico: "Diritti tv in calo? Se il massimo che possiamo offrire è questo Juve-Inter..."

Nel suo editoriale per Repubblica, Paolo Condò critica la Serie A e Juventus-Inter: "Domenica scorsa il campionato ha espresso il suo teorico massimo con Juventus-Inter, lo scontro diretto per lo scudetto, la prima in casa della seconda. Non è stata una gran partita: una fiammata a metà primo tempo col botta e risposta tra Vlahovic e Lautaro, poi più nulla. I dati segnalano che il gol del serbo è stato l’unico tiro in porta della Juve, l’Inter ne ha prodotti altri tre ma del tutto dimenticabili".

Lo spunto viene sfruttato per una riflessione sul crollo degli introiti dai diritti tv e dell'appeal della Serie A: "Se questa è la migliore gara del nostro campionato, perché un tedesco, un arabo, un americano o un brasiliano dovrebbero guardare la Serie A? Perché le televisioni estere dovrebbero alleggerire l’offerta per la Premier e appesantire quella per noi? Ai tempi del grande Barcellona di Guardiola e dei suoi molti epigoni in Liga, alcuni giornalisti spagnoli facevano i fenomeni scrivendo che le partite della Serie A erano emozionanti come osservare la vernice mentre si asciuga su una parete. Venne l’Inter di Mourinho a fare giustizia di tanta presunzione, ma quella era Champions, in fondo non ce la stiamo cavando male nemmeno quest’anno. Il problema è il campionato, dove il concetto di spettacolare – passato come una meteora il Napoli di Spalletti – è letteralmente scomparso".