Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Cattaneo: "Inter, il campionato è già chiuso. In Champions solo Real e City più forti"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 23 febbraio 2024, 10:21News
di Yvonne Alessandro
per Linterista.it

Cattaneo: "Inter, il campionato è già chiuso. In Champions solo Real e City più forti"

Intervista a fiume quella di Marco Cattaneo, volto e presentatore di DAZN e Amazon Prime Video, che a Newssuperscommesse.it ha toccato diversi temi, dalla corsa scudetto alla forma straripante dell'Inter in ogni competizione, prendendo in considerazione anche le ambizioni stagionali del Milan.

Il Milan di Pioli può arrivare in fondo in Europa League?

"Il Milan ha le potenzialità per arrivare fino in fondo. L'Europa League può rappresentare un obiettivo importante per la stagione in corso. La squadra era partita con ambizioni diverse, ma la lontananza in classifica dall'Inter e l'eliminazione ai quarti contro l'Atalanta in Coppa Italia, fanno si che l'Europa diventi determinante per il bilancio della stagione. Il Milan deve puntare al miglior percorso possibile in questa competizione. Non è la Champions League, ma ci sono squadre come Liverpool e Bayern Leverkusen e non sarà facile. I rossoneri sono comunque nel gruppetto delle quattro favorite per la vittoria finale".

L'Inter punta dritta alla seconda stella. Il campionato è già chiuso? In Champions replicherà il cammino dell'anno scorso?

"Si, campionato a mio parere già chiuso dall'Inter. Per certi versi il cammino dei nerazzurri ricorda quello del Napoli dello scorso anno. A questo punto della stagione gli azzurri avevano 65 punti, i nerazzurri ne hanno 63 con una partita in meno. La differenza consiste nel fatto che fino a un mese fa le avversarie sembravano tenere testa, adesso credo manchi solo l'aritmetica a favore dell'Inter. Anche in Europa il cammino può essere avvincente, ma in Champions, a differenza del campionato, contano tanto gli episodi e ci vuole sempre un pizzico di fortuna. Solo due squadre sono più forti dell'Inter in questo momento: Real Madrid e Manchester City. Ma come collettivo i nerazzurri se la giocano con tutte".

Ti aspettavi una debacle del genere da parte della Juve tra Empoli, Udinese e Verona? 

"Sono risultati negativi che hanno pesato tantissimo a livello di classifica. Guardando al rendimento della squadra, però, mi aspettavo potesse incappare in un periodo del genere. Si è trattato di uno stop che i bianconeri hanno pagato caro, ormai la distanza dall'Inter sembra incolmabile. Allegri ha il grande merito di aver tenuto la barca dritta nei momenti più bui dello scorso anno, è stato un grande gestore dello spogliatoio. A inizio stagione è stato bravo a trasformare la rabbia e la delusione dei giocatori in una forte spinta motivazionale. Il problema resta la qualità della proposta. A livello di qualità del gioco, infatti, la Juve sembra debole anche paragonata a squadre medio-basse del nostro campionato che stanno alzando l'asticella in questa anni".