Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Marotta: "Da Lukaku a questo Thuram? A volte serve anche culo. Inzaghi, che crescita!"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 23 febbraio 2024, 19:11Primo piano
di Marco Corradi
per Linterista.it

Marotta: "Da Lukaku a questo Thuram? A volte serve anche culo. Inzaghi, che crescita!"

Beppe Marotta interviene alla giornata inaugurale dell'XI Edizione del Corso da Team Manager presso la Luiss di Roma e torna sull'affare più redditizio del calciomercato dell'Inter: "Lukaku? Thuram lo avevamo preso comunque, ma se Lukaku avesse accettato ci saremmo trovati con lui, Lautaro e Thuram. Magari non ci sarebbe stata la stessa chimica che abbiamo oggi con Marcus e Lautaro. Quindi, tradotto volgarmente, serve anche culo (ride, ndr)".

L'amministratore delegato nerazzurro poi esalta Simone Inzaghi, tecnico che ha portato l'Inter a dominare la Serie A "Inzaghi, dal punto di vista umano, gestisce benissimo lo spogliatoio e ottiene il massimo da tutti. Sembra un compagno di squadra delle volte, ma gode comunque di grande rispetto da parte dei giocatori. E' cresciuto tanto. Poi c'è una cosa che si dice poco, lui rispetto alla generazione degli Spalletti e dei Conte ha dieci anni in meno di esperienza. Potrà fare altra strada".

L'ad nerazzurro poi torna su un altro cambio in panchina, quello che portò all'arrivo di Antonio Conte: "Nel 2019, arrivato all'Inter sacrificai una figura come quella di Luciano Spalletti, che ritengo un bravo allenatore, ma che faceva parte del presente e del passato. La cultura che c'era non era vincente e ho sacrificato un allenatore come lui per arrivare a Conte che conoscevo bene e che ci ha portato a vincere lo scudetto al secondo anno".