Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Guarin shock: "Sono un alcolizzato. Ho perso tutto, ho bussato alle porte dell'Inferno"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 28 maggio 2024, 22:00News
di Marco Corradi
per Linterista.it

Guarin shock: "Sono un alcolizzato. Ho perso tutto, ho bussato alle porte dell'Inferno"

Per anni ha vestito la maglia dell'Inter, ma ora per Fredy Guarin sembra essersi aperto un baratro. Nella sua intervista ai microfoni della rivista colombiana Semana, l'ex centrocampista ha svelato la sua dipendenza dall'alcol e non solo: "Sono un alcolizzato e lo ammetto. Sono un tossicodipendente in via di guarigione. Ricordo cosa non è stato fatto bene, cosa è stato fatto male. L’apprendimento è una grande motivazione per provare ad uscirne".

Cosa ti è successo? Sui social si vedeva che bevevi, vivere brutte situazioni familiari, piangere...

"Ad un certo punto ho dovuto spiegarlo. Non è un obbligo, ma ci sono persone che nutrono un affetto enorme per Guarín. Famiglia, tifosi, club. La verità è che mi sono lasciato distrarre. La mia decisione è stata quella di aggrapparmi all'alcol, ho commesso molti errori, ho preso decisioni sbagliate, ho ferito molte persone, ho fatto stare male i miei cari, la mia cerchia di amici e la mia famiglia. L'alcol è sempre stato il peggior fattore scatenante per tutto ciò che vedevi".

Quando è iniziata la tua dipendenza?

"Sono stato un alcolizzato per diversi anni. Quando ho lasciato il Millonarios (nel 2021, ndr) è stato il punto più basso che ho toccato, perché in questi ultimi tre anni ho toccato il fondo della mia dipendenza. Non lavoravo più, avevo perso la mia dignità, la fiducia delle persone care e la cosa più importante e preziosa che ho, ovvero i miei tre figli. Ho perso molte cose a livello sentimentale e amoroso. È arrivato un punto in cui non potevo più continuare così. Ho dovuto chiedere aiuto, lo avevo già fatto diverse volte, ma avevo sempre una ricaduta. Ho dovuto arrendermi e chiedere aiuto ad alcuni professionisti con cui sto lavorando e poter rimediare a tante cose che non erano state fatte bene. Riacquistare la fiducia mia, dei miei figli e dei miei parenti. Proiettarmi e accettarmi era la cosa principale". 

Poi cos'è cambiato? 

"Non potevo farcela da solo e mi sono lasciato aiutare. Sono in quel processo. Posso tranquillamente dire: questo è quello definitivo. Ho già bussato alla porta del diavolo e non è il massimo. Sto recuperando i miei tre figli. Sono nel loro spazio. Rispetto molto anche le decisioni che in un modo o nell'altro hanno preso. Amo i miei figli e per un po' ho pagato io per loro. So già quale non è la strada e che la strada è Dio che mi dà forza ogni giorno e una vita sobria e sana, per poter dare loro tutto pulito e l'amore infinito che ho per i miei figli. Ho veramente paura di due cose: la morte e il carcere. Senza saperlo, l'alcol mi aveva messo in un carcere da condannato a morte".

Sei stato vicino alla morte?

"Sì, la verità è che in quel cammino oscuro che stavo facendo ero vicino alla morte perché non avevo rispetto, non avevo limiti, non avevo coraggio e mi lasciavo portare ogni giorno più in là in quel buco. Ho bussato alle porte dell'inferno. So di cosa si tratta e non voglio mai tornare indietro nella mia vita. Non è molto bella l'oscurità e l'inquietudine con cui convivevo. Non ho misurato i rischi quando ero ubriaco. Sono stati momenti molto dolorosi. La prigione era ciò che stavo vivendo. Il giorno in cui è successo quello che è successo ai miei genitori, non mi hanno portato in prigione. Infatti i poliziotti sono stati cordiali, tranquilli, mi hanno messo in macchina, non mi hanno mai ammanettato né maltrattato. Erano coscienziosi e professionali. Si sono comportati in modo molto umano con me, anche se ero aggressivo".

Nel mondo del calcio, chi ti ha aiutato? 

"Quando dico che ho perso gran parte della mia famiglia, dei miei figli, degli amici più cari, intendo anche che ho perso i miei veri amici. Ho perso il rispetto e tante cose. Ma molti di loro erano sempre lì. So chi sono i miei amici, quelli che vogliono vedermi stare bene. Ci vuole tempo per capirlo. So chi c'era nei miei momenti peggiori. Mi sono stati accanto Falcao, James, Juan Fernando Quintero, Ospina, Cuadrado, Zanetti, Córdoba e altri che erano lì saldi e bravi in ​​quei momenti bui. Erano disponibili ad aiutarmi. Altri, senza dire una parola, se ne sono andati. Non erano amici".

Ora come ti senti?

"Sono felice, non lo cambierei per nulla al mondo. Vivo giorno per giorno. Voglio davvero poter vivere una vita normale, calma e pianificata. Oggi sono completamente in pace e desideroso di vivere la vita di una persona normale, una persona che si alza, si allena, lavora, torna a casa la sera e si riposa".