Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Mondiale per Club, Calcagno: "Non siamo contro il sistema ma bisogna preservare la salute"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 17:58News
di Bruno Cadelli
per Linterista.it

Mondiale per Club, Calcagno: "Non siamo contro il sistema ma bisogna preservare la salute"

Il presidente dell'AIC Umberto Calcagno è intervenuto ai microfoni di TMW per esporre le criticità relative all'organizzazione del nuovo Mondiale per Club della FIFA, dopo la decisione di aderire alla causa intentata dalla FIFPro Europe: "Era una cosa concordata sin dall'inizio. Abbiamo fatto riunioni che hanno coinvolto anche le associazioni delle leghe mondiali ed europee. È qualcosa che speriamo possa essere portato avanti, quantomeno anche dalle leghe europee. C'è unità d'intenti, a partire dalla volontà di preservare la salute dei calciatori: oggi anche i club, che vivono a contatto con i calciatori, stanno iniziando a capire quanto sia importante evitare questa china che pare ormai irreversibile".

"Voglio chiarire un punto: noi non siamo contro il sistema. Vogliamo però che funzioni meglio, che ascolti le istanze che provengono dal mondo dei calciatori e da quello delle leghe. Preservare la salute, il merito sportivo e i campionati nazionali credo siano valori di gran lunga superiori a quelli che possono stare alla base di una mega competizione. Un comportamento del genere della FIFA non aiuta a stare tutti insieme. Non parlo dell'aver creato una nuova competizione, ma di averla imposta unilateralmente senza ascoltare nessuno".