Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Spagna troppo forte per questa Italia: Barella lotta per tutti contro tuttiTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 08:41Primo piano
di Adele Nuara
per Linterista.it

Spagna troppo forte per questa Italia: Barella lotta per tutti contro tutti

L'Italia perde e si fa mettere sotto per tutti i 90 minuti da una Spagna apparsa nettamente più forte, più in forma e con più idee. "Avevamo chiesto alla Spagna di dirci chi siamo. Era meglio che non ci avesse risposto… Ci eravamo illusi che il bel primo tempo di Dortmund contro l’Albania contasse più della sofferenza del secondo e che una coraggiosa organizzazione tattica potesse compensare l’inferiorità riconosciuta della rosa, per qualità tecnica ed esperienza internazionale. Forse abbiamo esagerato in ottimismo e Luciano Spalletti con noi. Ma peccare di fede è un rischio quando si ama una causa. La risposta della Spagna è stata brutale: siamo lontanissimi da loro", l'analisi de La Gazzetta dello Sport.

I numeri della gara parlano chiaro: 10 tiri in porta a 0, una traversa, Donnarumma almeno 5 volte miracoloso, abbiamo calciato il primo corner al 40’ della ripresa. A parte Gigio, sono naufragati quasi tutti. Tra i più deludenti ci sono Di Lorenzo, che induceva al lancio della spugna per come arrancava sul giovane Williams e invece è rimasto inspiegabilmente in campo, Jorginho, Chiesa e Scamacca, giusto i più attesi del match, fronte azzurro. Morata dall’altra parte ha ben altro peso e altra concretezza. Smarrito Frattesi sulla trequarti, Chiesa sollecitato poco. Si salvano il solito Barella che lotta per tutti contro tutti, un coraggioso Calafiori e un salvifico Donnarumma

Il risultato di questo scenario, all’ora del tè, è un’avvilente contabilità di cronaca: per la Spagna, 62% di possesso, 9 tiri verso la porta (4 tra i pali); per noi, un tiro alto di Chiesa al 46’ e stop. Zero tiri in porta, zero corner, zero tutto. E un’aureola sulla testa di Donnarumma - prosegue la rosea -. Dimentichiamo tutto. Sforziamoci di credere che se ne abbiamo preso uno solo di autogol, forse qualche merito ce l’abbiamo. E lunedì a Lipsia riproviamo a giocare a calcio.