Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / I fatti del giorno
Dumfries, c'è l'apertura al rinnovo: "L'Inter è casa mia, mi sento in famiglia. Voglio firmare"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 23 giugno 2024, 00:53I fatti del giorno
di Pierpaolo Matrone

Dumfries, c'è l'apertura al rinnovo: "L'Inter è casa mia, mi sento in famiglia. Voglio firmare"

Denzel Dumfries vuole restare all'Inter e apre al rinnovo del contratto in scadenza nel 2025. Raggiunto dai microfoni del Corriere dello Sport al termine della sfida tra la sua Olanda e la Francia, l'esterno destro ha ribadito la sua intenzione di non voler lasciare il club nerazzurro, nonostante le voci che si rincorrono in ogni finestra di mercato: "Ci sono stati per tutti dei ritardi, visto che abbiamo cambiato proprietario, ma io voglio firmare", ha detto. "L'Inter è casa mia, mi sento in famiglia. Ne abbiamo parlato prima dell'Europeo e lo faremo ancora al mio ritorno". Parole che suonano come un forte segnale d'apertura.

L'esterno olandese si è soffermato anche sul derby personale con Theo Hernandez, cugino milanista: "La rivalità tra Inter e Milan è qualcosa di bello. Ma il rispetto reciproco è grande. Una volta ci siamo scontrati in un grande duello.

È stato un momento a bordo campo in cui bisognava darsi da fare. È andata bene da entrambe le parti. Inter-Milan è un grande derby, un derby d'oro. La lotta è immensa. Siamo entrambi giocatori - ha spiegato Dumfries -, che vanno appena oltre il limite in questo o semplicemente non lo fanno. Ma questo fa parte del gioco. E reciprocamente c'è rispetto per l'altro", la chiosa riportata dal Da Telegraaf.