Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Arrivabene racconta Raiola: "L'unico che volevo conoscere. Ha cambiato le regole"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 30 giugno 2022, 11:49Primo piano
di Giulia Borletto
per Bianconeranews.it

Arrivabene racconta Raiola: "L'unico che volevo conoscere. Ha cambiato le regole"

Procuratori, ingaggi, commissioni, pareri discordanti, addii o annunci. Il mondo del calciomercato è anche questo e Maurizio Arrivabene ha imparato a gestirlo da subito. C'era un procuratore in particolare che lui ha sempre voluto conoscere, uno che ha scritto la storia e che nonostante sia scomparso troppo presto, continua a dettare le proprie regole, Mino Raiola. "Io ne incontro pochi, ma mi è capitato di incontrare Mino, anche perchè è l'unico che ero curioso di conoscere. Ha cambiato le regole del gioco rendendole più difficili ai club e più vantaggiose per i giocatori. E' stato un procuratore che sapeva dirigere la carriera di un giocatore, disegnandola. Poi c'è il tipo di procuratore passivo che accompagna il giocatore e ne soddisfa le esigenze, Mino progettava" spiega l'ad della Juventus al Tuttosport. 

"E' un sistema che va cambiato, regolamentato. Ci sono procuratori che hanno 9-10 giocatori in una squadra e questo significa condizionare la squadra stessa. Bisogna mettere ordine al sistema, non si devono eliminare i procuratori ma mettere in ordine sì!".