Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Nocerino a RBN: "Juve, grande squadra ma il Milan è più gruppo. Rabiot ha grandi qualità"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
venerdì 7 ottobre 2022, 20:52Primo piano
di Daniele Petroselli
per Bianconeranews.it

Nocerino a RBN: "Juve, grande squadra ma il Milan è più gruppo. Rabiot ha grandi qualità"

Per parlare di Milan-Juventus alla vigilia del big match di campionato a Radio Bianconera è intervenuto il doppio ex Antonio Nocerino: "Presi singolarmente la Juve ha sempre avuto una grande squadra. Sono giocatori fortissimi anche adesso. Hanno preso da gennaio scorso giocatori di livello altissimo, ma il Milan in questi due anni, oltre alla crescita dei giocatori, ha una consapevolezza nel gruppo molto importante. Attualmente è una squadra solida. ha un gruppo migliore rispetto a quello bianconero".

"Al Milan si è preferita la continuità, il lavoro di Pioli è stato molto importante, vedendo la rosa che aveva a disposizione due anni fa - ha detto l'ex centrocampista, paragonando il club rossonero a quello bianconero, che ha cambiato tre volte panchina negli ultimi quattro anni -.  I giocatori sono cresciuti molto. In questo momento i giocatori del Milan sono cresciuti moltissimo e nessuno due anni fa credeva che potessero arrivare a questo livello. La Juve ha già giocatori forti e non deve costruire come è stato per il Milan".

Poi un'analisi di Adrien Rabiot: "Manca solo continuità? Quando in Italia ti mettono certe etichette, è difficile toglierle. A me piace, è forte, gioca in Nazionale e così scarso non può essere. Non gioca da solo poi, ha bisogno di un gruppo dietro, di un modo di giocare di gruppo. Si esalta col collettivo". Mentre su Leandro Paredes ha detto: "Dicono che sia il 5 più forte che c'è in Argentina dopo Redondo, per me ha grande qualità ma servono giocatori accanto che parlino la stessa lingua e abbiano una certa personalità".