Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Pjanic: "Con Koeman ho passato un brutto periodo. Alla Juve c'era una preparazione seria"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
venerdì 7 ottobre 2022, 21:15Altre notizie
di Simone Gioia
per Bianconeranews.it

Pjanic: "Con Koeman ho passato un brutto periodo. Alla Juve c'era una preparazione seria"

In un'intervista a SER Catalunya, l'ex centrocampista della Juventus, Miralem Pjanic, ha commentato il suo addio al Barcellona: "Non era chiaro quanto avrei giocato. Quest'anno c'è una squadra straordinaria, con una grande struttura, un grande staff, c'è di nuovo feeling con il pubblico. Non è stato così in passato e il mio grande rimpianto è non essere riuscito a fare quello che volevo a Barcellona Con Koeman ho passato un brutto periodo, è stato il motivo della mia cessione al Besiktas. Sono rimasto molto sorpreso perché gli allenamenti con lui erano molto brevi, non avevano intensità, non si parlava di tattica o idee. Non ci preparavamo al meglio per le partite. Ora c'è una preparazione seria, come quella che facevo con la Juve, dove ho vinto tutto. Quando arrivi in ​​un grande club come il Barcellona devi metterti subito in mostra, far vedere all'allenatore che puoi far parte della squadra. Quest'anno con Xavi è andato tutto alla grande: il mio rapporto con lui e con lo staff, con la squadra, la sua visione del gioco. Di sicuro molto meglio rispetto alla stagione precedente. Oggi si vede che la squadra è un'altra cosa, c'è una struttura e hanno idee molto chiare. Non è stato facile lasciare il Barça: Xavi voleva che restassi, ma nelle prime quattro partite non ho potuto dimostrare il mio valore. Se il primo anno è successo quello che è successo e il secondo sono stato ceduto al Besiktas, stavolta avevo buone sensazioni ma speravo di giocare di più".