Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Ravezzani: "La rinuncia agli stipendi dei calciatori della Juve la sottolineai più volte"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 29 novembre 2022, 22:05Altre notizie
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

Ravezzani: "La rinuncia agli stipendi dei calciatori della Juve la sottolineai più volte"

La questione relativa alle dimissioni del CdA della Juventus sembra trovare la sua genesi nella situazione relativa alla rinuncia delle famose quattro mensilità, che i giocatori bianconeri avrebbero accordato con la società. Questa causa è stata presa in esame dagli organi giuridici e anche da quelli della stampa sportiva italiana. Uno dei giornalisti, che hanno posto l'accento sulla "I" rispetto a tale contesto, è certamente Fabio Ravezzani, il quale aveva già paventato i suoi dubbi in merito. Il direttore di Telelomabrdia ritorna su questo punto, manifestando la sua primordiale attenzione nei confronti di un contesto, a lui già apparente dalle primissime battute a causa della mancanza della assenso in calce decisivo dei giocatori. Di seguito, proponiamo la sua riflessione, trascritta sul proprio profilo Twitter:

"Quando la Juve annunciò unilateralmente la rinuncia a 4 mensilità rimasi molto sorpreso perché un simile accordo era indispensabile la firma contestuale dei calciatori. Lo sottolineai più volte a differenza dei grandi media che celebrarono fastosamente l’evento. Eppure era così evidente che questa mancanza risultava stranissima. Ecco, credo che una corretta informazione serva a questo è spesso serve paradossalmente anche a chi ne è oggetto".