Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Afletra a TMW Radio: "La Juventus subirà una multa con diffida"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 9 dicembre 2022, 14:20Altre notizie
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

Afletra a TMW Radio: "La Juventus subirà una multa con diffida"

Roberto Afeltra ha provato a fare chiarezza sull'inchiesta Prisma, che riguarda la Juventus molto da vicino. L'avvocato è intervenuto all'interno della trasmissione podcast, trasmessa su TMW Radio. Attraverso la predetta emittente, l'ospite ha proposto una proiezione di sanzione prevista per la Vecchia Signora. La violazione dell'articolo 31 potrebbe portare a una sanzione amministrativa per i bianconeri, i quali, però, devono stare attenti a non rientrare nella casistica, citata dal comma 3. Tale infrazione prevede rischi sportivi più gravi, come si evince dalle sue parole:

"L’ordinanza del giudice dell’udienza preliminare ha prodotto un’istanza interdittiva verso la dirigenza della Juventus. Lì dentro c’è tutto: false comunicazioni sociali, fatture inesistenti, aggiotaggio, falso in bilancio. Oltre l’interdizione, il gip ha affermato come la Juventus abbia operato in buona fede per quanto riguarda le plusvalenze; sugli stipendi afferma invece che l’illecito è stato chiaro, anche se non reiterabile. Bisognerà vedere cosa deciderà la procura federale, ma non sulle plusvalenze, dove la Juventus ha visto un’archiviazione delle accuse. Sulla violazione dell’articolo 31 (comma 1,2 e 3) la Juventus sicuramente subirà una diffida con ammenda. Il comma 3 è il più grave, perché afferma che “qualora la società utilizzi atti illeciti nei rapporti con i calciatori, sono previste penalizzazioni, retrocessione o radiazione