Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Fabio Paratici e la sua squalifica: è il momento più difficile della carriera per l'ex JuveTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 30 marzo 2023, 11:10Altre notizie
di Simone Gioia
per Bianconeranews.it

Fabio Paratici e la sua squalifica: è il momento più difficile della carriera per l'ex Juve

Come comunicato dalla Fifa, l'inibizione di 30 mesi nei confronti di Fabio Paratici è stata estesa anche in campo internazionale, quindi anche in Inghilterra, con effetto immediato ed esecutivo. Sulle colonne del Corriere della Sera, ecco il ritratto che Monica Colombo fa dell'ex Ds della Juventus: "Che cosa potrà fare dunque Fabio Paratici nel club londinese, già scosso dopo il terremoto legato al divorzio da Conte? Potrà limitarsi a riunioni interne, ma gli sarà impedito, sino al termine della squalifica, di condurre trattative e contattare agenti e dirigenti per negoziare contratti e trasferimenti. È il momento più difficile nella carriera del manager che a Torino ha vissuto uno dei cicli più vincenti della storia del club con la striscia dei nove scudetti consecutivi. È l’uomo che ha condotto l’operazione che ha portato, nonostante i dubbi dell’allora ad Beppe Marotta, Cristiano Ronaldo a Torino: l’acquisto che ha mandato fuori giri i conti del club, prima ancora che il Covid appesantisse i bilanci.

Nel 2018, dopo l’addio di Marotta, i poteri di Paratici sono aumentati e con loro la spregiudicatezza (plusvalenze a parte, si ricordi il caso Suarez). Ora dopo aver fatto spendere al Tottenham più di 300 milioni di euro in due anni è costretto a fermarsi (era l’unico dirigente colpito da inibizione ancora in attività). Nessuno come lui è in attesa dell’esito del ricorso al Collegio di Garanzia del Coni: appuntamento al 19 aprile".