Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Juve calciomercato: due cessioni eccellenti per finanziare gli acquisti?TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 27 febbraio 2024, 03:50Primo piano
di Mirko Nicolino
per Bianconeranews.it

Juve calciomercato: due cessioni eccellenti per finanziare gli acquisti?

Bremer e Chiesa potrebbero finanziare i prossimi colpi in entrata della Juventus: a Giuntoli piacciono Calaf, Koopmeiners e Gudmundsson

L’edizione di Tuttosport di oggi, martedì 27 febbraio, fa il punto sui nomi in entrata e in uscita per il prossimo calciomercato della Juve. Di soldi ce ne sono pochi, ragion per cui Cristiano Giuntoli dovrà lavorare molto di creatività. Parametri zero, insomma, o innesti di un certo livello finanziati però con cessioni in grado di far incassare un tesoretto.

Nello specifico, rischiano l’addio Federico Chiesa, apparso molto rabbuiato negli ultimi tempi e con un rinnovo ancora in alto mare (è in scadenza a giugno 2025) e Gleison Bremer, difensore brasiliano su cui hanno posato i loro occhi i top club inglesi. In entrata, stando al quotidiano sportivo torinese, sono sostanzialmente tre i nomi le cui quotazioni sono in crescita.

Per la difesa, il nome più caldo in entrata per la Juventus è quello di Riccardo Calafiori, ex Roma attualmente in forza al Bologna. Per il centrocampo, invece, piace sempre l’atalantino Teun Koopmeiners, 25enne nazionale olandese, mentre in attacco il genoano Albert Gudmundsson (26) potrebbe essere la prossima spalla di Dusan Vlahovic.