Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Tacconi: ''Szczęsny meglio di Sommer. Mi ritrovo molto in Carnesecchi''TUTTO mercato WEB
© foto di Balti Touati/PhotoViews
domenica 3 marzo 2024, 12:15Altre notizie
di Alessia Mingione
per Bianconeranews.it

Tacconi: ''Szczęsny meglio di Sommer. Mi ritrovo molto in Carnesecchi''

L'ex portiere della Juventus, Stefano Tacconi, ha rilasciato un'intervista a La Stampa, in cui, oltre a raccontare del periodo legato alla malattia che lo ha colpito due anni fa, ha affrontato argomenti relativi ad uno dei suoi più grandi amori: il calcio.

L'Inter sembra ormai aver vinto lo scudetto. Ma lei chi preferisce tra Sommer e Szczęsny?

''Voto Szczęsny, è molto affidabile e gioca in una nazionale importante come quella polacca''.

Tra Vlahovic e Lautaro?

''Dico Vlahovic perchè mi ricorda Pablito (Rossi, ndr)''.

Oltre a Donnarumma c'è tutta una nuova generazione di portieri che sta emergendo: Vicario, Carnesecchi, Di Gregorio, Meret... C'è qualcuno in cui si rivede?
''Mi ritrovo molto in Carnesecchi, perché è spavaldo proprio come lo ero io''.

Si avvicina l'Europeo, come vede l'Italia?
''Spalletti ha un compito molto difficile, perché l'Italia ha vinto l'Europeo e migliorarsi in questo caso è difficile. Però ha giovani molto validi su cui puntare''.

Ci sarà mai di nuovo un dualismo come quello tra Tacconi e Zenga che ha segnato il calcio italiano negli anni Ottanta? Come lo racconterebbe ai bambini che vogliono diventare portiere?
''No, non ci sarà più un dualismo come quello tra me e Walter. Racconterei ai bambini che fra noi c'era molta competitività ma anche molto rispetto. E nel mio periodo difficile durante la malattia, Walter mi è sempre stato vicino''.

In poco più di un anno il mondo del calcio ha perso uomini come Vialli e Riva. Qual è il suo ricordo?
''Parliamo di due grandi personaggi che hanno fatto la storia dell'Italia. Ho avuto la fortuna di giocare con Vialli in Nazionale e di avere avuto Riva come team manager a Mondiali, Europei e Olimpiadi. Ricordo che Gianluca, nonostante la sua malattia, ha avuto la forza di mandarmi un videomessaggio per dare a me la forza. Spesso riguardo questo video per sentirlo ancora vicino a me''.