Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Women
Women, la stagione ripercorsa attraverso le 5 partite clouTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 18 giugno 2024, 18:34Women
di Alessio Tufano
per Bianconeranews.it

Women, la stagione ripercorsa attraverso le 5 partite clou

Il sito ufficiale della Juventus dedica un focus alla stagione delle Women, ripercorrendola attraverso le cinque partite più importanti.

Secondo posto finale in classifica e qualificazione ai play-off della prossima Women’s Champions League. È questo il traguardo raggiunto dalle ragazze bianconere nella lunga stagione 2023-24, nella quale la Juventus è stata in grado di togliersi diverse soddisfazioni, a fronte di qualche battuta d’arresto.

Riassaporiamo quelli che sono stati i 5 match più belli del percorso delle Women.

Juventus-Inter 5-0 (19 novembre 2023)
Nona giornata d’andata al Pozzo di Biella, l’avversario di giornata è l’Inter dell’ex Rita Guarino. La Juve ha ritrovato la marcia -dopo il ko interno contro la Roma- battendo a domicilio il Como e ora ha l’ambizione di rimanere in scia alle giallorosse prime in classifica. Le Women ingranano la marcia sin dalle prime battute: al 2’ minuto la sblocca Caruso, sfruttando la sponda in area di Nystrom, la numero 21 scaraventa di forza l’1-0 in porta. L’Inter è frastornata e le nostre ne approfittano grazie a Grosso, sinistro copertina da fuori area, palla sotto il sette e raddoppio in cassaforte dopo nemmeno 5 minuti. La gara prende la direzione giusta, le ospiti faticano a rientrare in corsa e solo al 40’ si fanno vive con un diagonale di Cambiaghi largo di poco. Nella ripresa sale in cattedra Lindsey Thomas, la quale sigla la doppietta personale nello spazio di 7 minuti, tra il 52’ e il 59’, segnando prima di testa su punizione di Caruso, poi ultimando un’azione rapida ed efficace con un destro chirurgico da buona posizione. Sul 4-0 per noi, Salvai va vicina al pokerissimo su calcio d’angolo: incornata e miracolo di Durante che devia sul palo; il quinto gol arriva verso la fine in virtù del rigore guadagnato e trasformato da Cristiana Girelli, timbro finale alla sfida e assolo bianconero di qualità indiscutibile.

Roma-Juventus 1-2 (7 gennaio 2024) | Finale di Supercoppa Italiana
Allo Zini di Cremona c’è in palio il primo trofeo della stagione e, neanche a dirlo, sono le dominatrici Roma e Juventus a contendersi la coppa. Le Women cercano di rialzare la testa, reduci dal brutto ko sul finire del 2023 in quel di Genova contro la Sampdoria, dall’altra parte le giallorosse veleggiano in testa alla classifica e godono dei favori del pronostico. L’impatto bianconero sulla partita è quello delle grandi occasioni: pronti via e Gunnarsdottir sfiora il vantaggio sullo schema disegnato sul corner di Caruso, palla larga di un soffio. La faccia è quella giusta, gli attacchi sono ficcanti e la Roma fatica a ribattere. Al 12’ solito asse Caruso-Gunnarsdottir dal calcio d’angolo, l’islandese batte in porta centrando il palo, ci riprova, Viens devia maldestramente e infila Ceasar; 1-0 Juventus. La rete subita innesca la voglia della squadra di Spugna di rimettere subito a posto le cose: Greggi in orizzontale serve Kumagaj, sinistro forte e preciso per la giapponese che sigla la parità a metà frazione. Prima dell’intervallo Cantore si divora il 2-1 correggendo male una respinta corta del portiere giallorosso. L’intervallo porta consiglio e soprattutto imprime alle Women nuova carica per tentare di portare a casa il trofeo. Minuto 54, Boattin lotta sulla sinistra, scaraventa in mezzo un buon cross, a cui la difesa avversaria risponde così così, palla sui piedi di Garbino che si inventa la pennellata sul palo lontano. Perla della francese e Juve di nuovo a condurre. L’ultima mezz’ora vede le capitoline in spinta totale, ma le nostre non si fanno sorprendere. L’unico vero pericolo arriva a tempo scaduto con Giugliano che stampa la traversa a Peyraud Magnin battuta, è l’ultimo squillo del match. Juventus Women super-campionesse, trofeo in bacheca e Roma ko.

Juventus-Milan 2-1 (13 gennaio 2024)
Con la Supercoppa ancora negli occhi, le Women si rituffano sul campionato per confermare quanto di buono messo in mostra a Cremona. La sfida contro il Milan parte sulle onde dell’equilibrio, le due squadre se la giocano a viso aperto e a sbloccare la situazione sono le bianconere. Angolo di Boattin, flipper in area piccola, Bonansea di prima spara in porta e segna l’1-0 al 25’. Le rossonere, però, non restano a guardare. Prima Staskova manca clamorosamente il pari da pochi passi sull’iniziativa laterale di Laurent, poco più tardi l’ex di turno riesce a farsi perdonare mantenendo i nervi saldi, pareggiando così la gara intorno alla mezz’ora. La rete segnata è il catalizzatore ideale per la svolta nella gara del Milan che, soprattutto in avvio di secondo tempo, sfiora il 2-1 con la discesa in campo aperto della solita Staskova che allarga troppo di fronte a Peyraud Magnin, mancando la doppietta per questione di centimetri. La Juventus torna a scuotersi al 51’ grazie alla generosità di Caruso, la quale è abile a tenere in campo un pallone dato per perso sulla linea di fondo, assist dietro per Cantore che si mette in proprio, rientra e infila il destro giusto per battere Giuliani e rimettere avanti le Women. Gran bel gol, Juve che tiene botta fino alla fine portando a casa un match molto combattuto.

Sassuolo-Juventus 0-1 (21 gennaio 2024)
È un inizio di 2024 con i fiocchi per le Juventus Women. L’impegno in casa del Sassuolo arriva dopo 3 vittorie consecutive tra Supercoppa, campionato e coppa Italia. L’appuntamento allo stadio Ricci presenta comunque diverse insidie, le neroverdi sono una squadra da prendere con le pinze. Il primo tempo è dominato dalla Juve, ma il gol non arriva. Ci provano in serie Cantore, Bonansea, Grosso e Caruso; quattro chance di rilievo che non bastano a sbloccare la contesa. Anche nella seconda parte il canovaccio resta lo stesso, la porta sembra stregata: Bonansea coglie il palo a Durand battuta e Grosso -sugli sviluppi di un corner- manda a lato di testa da buonissima posizione. Nell’ultima fetta di match le Women rischiano addirittura la beffa, con Sabatino che di testa spedisce sulla traversa; un piccolo indizio della sorte che inizia a girare. Partita che sembra indirizzata sullo 0-0, ma all’89’ ecco l’episodio chiave: Boattin trova un pertugio a sinistra, crossa in mezzo, Pilgrim respinge male, Echegini ben appostata calcia forte e firma lo 0-1. Esultanza liberatoria delle nostre, coraggiose e fiduciose verso il bersaglio grosso; Echegini mette in cascina la prima rete italiana della sua nuova avventura in maglia bianconera e si prende la scena al fotofinish.

Fiorentina-Juventus 0-2 (6 maggio 2024)
Come ultima immagine della stagione andiamo a rivivere una delle tante sfide con la Fiorentina in questa lunga annata. La squadra di De La Fuente ha eliminato le nostre in Coppa Italia e ora cerca di chiudere bene l’ultima sfida con le bianconere al Viola Park. La nuova Juventus di Beruatto-Zappella, però, ha la volontà di lanciare un segnale alle avversarie, per ribadire il distacco esistente in classifica. Il 3-5-2 scelto dal primo minuto dà i frutti sperati: la Juve ha subito due occasioni importanti per passare avanti, ma né Girelli né Caruso riescono a trovare la fiammata. Nonostante alcune difficoltà, la Fiorentina arriva ad un passo dalla rete del vantaggio: Boattin gioca troppo corto verso Aprile, Lundin da due metri dalla linea di porta calcia, ma spara altissimo graziando la difesa bianconera. Sul tramonto del primo tempo la gara prende una direzione, con Boattin che pennella da sinistra sulla testa di Cantore, la quale incorna e batte il portiere per lo 0-1 al 41’. Al rientro dagli spogliatoi è ancora la Juventus a dettare i ritmi, proponendo trame veloci in verticale. Echegini sfiora il raddoppio in anticipo di testa, Bonansea invece è precisa dalla distanza con un gran bolide; Women che salgono a +2 e non si fanno più riprendere. Termina così il match, Juve corsara al Viola Park nel segno di Cantore e Bonansea.